Mesi fa alcune persone hanno deciso di mettersi a disposizione della comunità, di mettere da parte le proprie paure, e partecipare all’inchiesta “Solvay: la pollution invisible”. I risultati sono chiari: nel sangue del 55% degli spinettesi il PFOA supera la soglia di allarme fissata dalla Germania.

A fronte di questo ennesimo dato, pretendiamo che lo screening sanitario di tutte le persone potenzialmente colpite dall’inquinamento di Solvay venga effettuato al più presto, e destinando le giuste risorse. Pretendiamo che Solvay chiuda e che bonifichi il sito inquinato, affinché Spinetta possa finalmente tornare ad essere un territorio salubre, e cosicché chi vi abita non sia più costrett* a veder decimate le proprie famiglie da tumori e malattie.

Chiediamo e pretendiamo lo screening affinché i timori per la nostra salute possano trasformarsi in una capillare opera di prevenzione collettiva. Pretendiamo che il biomonitoraggio venga fatto al più preso e con tutti i crismi del caso, perché sappiamo che ogni paura è possibile esorcizzarla insieme, perché crediamo che Spinetta – e con lei la gente che vi abita – non sia un luogo ormai senza speranza, ma la culla di una comunità che ha voglia di lottare per la propria salute e per il proprio territorio.

Tutto questo succederà solo quando le istituzioni avranno il coraggio di dire che nel 2022, non è più ammissibile che un polo chimico sia situato all’interno di un centro abitato e, ancora meno, non è ammissibile essere costantemente ricattati da una multinazionale che cerca di barattare la salute ambientale e dei cittadini, con posti di lavoro che fanno ammalare anche gli stessi lavoratori. Le malattie e le morti non possono più essere visti come effetti collaterali, incidenti di percorso!

Mentre le Istituzioni valutano le “azioni da intraprendere” e indicono tavoli e gruppi di lavoro, noi sappiamo bene quali devono essere le tappe, la storia dell’Eternit a Casale Monferrato, della Miteni a Vicenza ce lo hanno insegnato: screening, chiusura e bonifica!

Per questo invitiamo tutt* a unirsi a noi alla nostra voce, il prossimo 15 ottobre alle 17.00 in piazzetta della Lega. 
La salute è un diritto!
Un secolo di veleni e morti, può bastare!

Comitato Stop Solvay

 

ULTIME NOTIZIE


 

Alessandria – Contro la Gelmini: resistenza

Alessandria – Contro la Gelmini: resistenza

Questa mattina si è snodato per la città un corteo lungo e rumoroso che ha visto la partecipazione di moltissimi studenti. Dalla manifestazione è emerso chiamaramente il rifiuto verso la riforma Gelmini, ma anche quello verso il sistema scolastico attuale, fatto di...

L’impianto per il bioetanolo ora fa discutere in Regione

L’impianto per il bioetanolo ora fa discutere in Regione

TORTONA - In attesa che la Provincia fissi la data della Conferenza dei servizi che deciderà sulla realizzazione a Rivalta Scrivia dell’impianto della Ibp per la trasformazione del mais in etanolo - occorre risolvere, prima, il problema della distanza di sicurezza...

Alessandria – Non staremo mai zitti, bloccheremo gli sfratti

Alessandria – Non staremo mai zitti, bloccheremo gli sfratti

"Ci vogliono così: imbavagliati e silenziosi, ma non ci avranno mai come ci vogliono loro". E' iniziata con queste parole la conferenza stampa della Rete Sociale per la Casa, davanti all'ingresso del Comune di Alessandria, a cui hanno partecipato una quarantina di...