Tre anni fa, alla pubblicazione dei dati dello studio epidemiologico effettuato sugli abitanti di Spinetta Marengo che evidenziavano malattie e morti per chi vive in prossimità del polo chimico, abbiamo iniziato a mobilitarci. Con assemblee, iniziative, volantinaggi informativi abbiamo iniziato a sollecitare la presa di coscienza delle persone e le risposte dalle istituzioni.

Sabato 15 ottobre insieme a centinaia di persone, per la prima volta abbiamo attraversato le strade del centro di Alessandria in corteo per dire “basta!” all’inquinamento di Solvay.
Non è servito, a quanto pare, l’ennesimo tentativo della multinazionale belga di mettere in dubbio l’affidabilità dei dati che testimoniano la presenza di Pfas e altre sostanze nel sangue delle persone che vivono a Spinetta.
Sappiamo bene, e come noi lo sanno le persone che hanno deciso di scendere in piazza sabato, che l’inquinamento di Solvay è reale. Che i morti e le malattie sono reali.
Ce lo ricordano oltre alle recenti analisi del sangue fatte dall’Università di Liegi, i dati evidenziati dagli studi epidemiologici, i ritrovamenti di ADV e c6o4 (prodotti esclusivamente dal polo chimico di Spinetta) nelle uova degli storni e negli alimenti, la presenza del c6o4 nei pozzi di Montecastello e nelle acque del Po, i rinvenimenti di cloroformio, tetracloruro di carbonio, tetracloroetilene, tricloroetilene (sostanze notoriamente cancerogene) nelle cantine delle case del sobborgo di Alessandria…
Pretendiamo un incontro con l’amministrazione comunale per una programmazione chiara e trasparente del processo di biomonitoraggio.
Chi vive a Spinetta Marengo e nei territori inquinati dal polo chimico ha il diritto di sapere quanti veleni ha nel sangue e i passi che il Comune di Alessandria intende fare per tutelare la salute pubblica!
Vogliamo che siano comunicati pubblicamente tutti gli aspetti del processo di screening sanitario, che deve coinvolgere tutta la popolazione potenzialmente colpita dall’inquinamento del Polo chimico di Spinetta Marengo e ci aspettiamo che allo screening segua la chiusura della fabbrica e la completa bonifica del nostro territorio.

Un secolo di morti e veleni può bastare!

ULTIME NOTIZIE


 

Call for artists – MIA 2021 – Un altro genere di arte

Call for artists – MIA 2021 – Un altro genere di arte

La Casa delle Donne di Alessandria apre un Call dedicata a tuttə lə artistə che vogliono contribuire a dare vita e voce ai muri del nostro cortile interno durante le due giornate del festival “MIA” che si terrà il 17 e 18 settembre. Crediamo che lo spazio che...

Mia 2021 – Un altro genere di arte

Mia 2021 – Un altro genere di arte

Venerdì 17 e Sabato 18 settembre 2021 la Casa delle Donne apre le porte alla città con la IV edizione di “MIA: Un altro genere di arte”, il festival che ogni anno parla alla città attraverso l’arte: antisessismo, lotta alla violenza di genere, salute, diritti e...

“In provincia l’IVG non è un diritto”

“In provincia l’IVG non è un diritto”

La libertà di decidere sul proprio corpo non è ancora un diritto acquisito e garantito per chi vive nel territorio della provincia di Alessandria. A dimostrarlo, i dati emersi dall’indagine sul diritto all’IVG - coordinata da Non Una di Meno Torino -, e i nuovi...

A proposito di trasparenza e democrazia…

A proposito di trasparenza e democrazia…

Durante il Consiglio Comunale aperto di martedì 15 giugno, dedicato all’attività di Solvay sul territorio della provincia, si è reso evidente quanto ci ha portato a declinare l’invito: l’incontro pubblico altro non è stato che una passerella per Solvay e per le sue...

La lotta paga: Welfare Aziendale a Maxi Di Alessandria!

La lotta paga: Welfare Aziendale a Maxi Di Alessandria!

L’assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori ha dato oggi all’unanimità il via libera all’introduzione del Welfare Aziendale presso il magazzino Maxi Di Dpiù di Spinetta Marengo ad Alessandria gestito dall’azienda Ant Srl. Per il periodo compreso dal 1 giugno al 31...

Pin It on Pinterest