“Desideriamo (…) sottolineare che l’inquinamento legato alle sostanze perfluoroalchiliche e polifluoroalchiliche non è limitato alla Regione Veneto. (…) la produzione in corso di sostanze perfluoroalchiliche e polifluoroalchiliche da parte dell’azienda Solvay, a Spinetta Marengo, Alessandria, nella Regione Piemonte, (…) potrebbe creare un disastro ambientale simile a quello subito dalle comunità colpite in Veneto se si verificassero incidenti o rilasci di sostanze perfluoroalchiliche e polifluoroalchiliche nelle acque locali”.

Questi sono alcuni dei passaggi del Rapporto del Relatore Speciale della missione dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani in visita in Italia dal 30 novembre al 13 dicembre 2021.
Gli emissari dell’Onu, il cui arrivo è stato fortemente voluto dalle Mamme No Pfas e da Pfas Land, hanno visitato le province di Verona, Vicenza e Padova per approfondire la vicenda dello stabilimento Miteni di Trissino e hanno incontrato il Comitato Stop Solvay per ricevere informazioni sull’inquinamento da Pfas a Spinetta Marengo.
Il Rapporto ha interessato tutta Italia e riguardato le implicazioni per i diritti umani della gestione e dello smaltimento ecocompatibile di prodotti e rifiuti pericolosi.

“Lo stabilimento Solvay di Spinetta Marengo continua a produrre producendo C6O4, un pfas a catena corta, e ADV7800, un pfas a catena lunga, attualmente vietato in tutta Europa – ha spiegato Viola Cereda, portavoce del Comitato Stop Solvay, all’esperto in diritti umani ONU, Gotzon Onandia Zarrabe.
Viola ha raccontato di come a Spinetta si stia verificando ciò che è già accaduto nel nord-est, della presenza di pfas nei pozzi a uso umano di nove comuni della provincia di Alessandria, dei dati di morbilità e mortalità degli studi epidemiologici pubblicati a dicembre 2019.
“Abbiamo chiesto alle Istituzioni uno screening sanitario, un dosaggio dei pfas per le persone che vivono nell’area inquinata, ma non ci hanno riconosciuto questo diritto perchè sanno benissimo cosa accade quando la cittadinanza scopre questo tipo di inquinamento”.

Il Comitato Stop Solvay incontrerà tutte le persone interessate ad approfondire il tema dell’inquinamento del polo chimico, mercoledì 14 settembre alle 21.00.
All’appuntamento, dal titolo “I veleni di Solvay nel nostro sangue: perché?” interverranno anche Bruno Pesce, storico coordinatore della lotta contro Eternit a Casale Monferrato, Alice Lenaz, giornalista, Claudio Lombardi, assessore all’Ambiente del Comune di Alessandria nel mandato 2012/2017, Anita Giudice, Fridays for Future Alessandria e Lelio Morricone, medico ambientalista.
Nel corso dell’incontro Valerie Dupont, giornalista belga, presenterà il documentario “Solvay, la pollution invisible”, nell’ambito del quale è stata realizzata la recente indagine sanitaria fatta dall’Università di Liegi.

Di seguito la traduzione del paragrafo dedicato a Spinetta Marengo, nel Rapporto del Relatore Speciale della missione dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani.
Qui il documento completo

“Desideriamo (…) sottolineare che l’inquinamento legato alle sostanze perfluoroalchiliche e polifluoroalchiliche non è limitato alla Regione Veneto. Tra le altre aree, la contaminazione da sostanze perfluoroalchiliche e polifluoroalchiliche è preoccupante lungo il principale bacino del Paese, la Pianura Padana. Il relatore speciale è particolarmente preoccupato per la produzione in corso di sostanze perfluoroalchiliche e polifluoroalchiliche da parte dell’azienda Solvay, a Spinetta Marengo, Alessandria, nella Regione Piemonte. Questa operazione potrebbe creare un disastro ambientale simile a quello subito dalle comunità colpite in Veneto se si verificassero incidenti o rilasci di sostanze perfluoroalchiliche e polifluoroalchiliche nelle acque locali.
Oltre a questi contaminanti, la contaminazione storica e la presenza di cromo esavalente, un metallo pesante noto come causa di cancro, nello stabilimento Solvay di Spinetta Marengo è particolarmente preoccupante”.

Comitato Stop Solvay

ULTIME NOTIZIE


 

Alessandria – Ex Caserma occupata. La Provincia pronta a collaborare

Alessandria – Ex Caserma occupata. La Provincia pronta a collaborare

Una collaborazione potrebbe nascere tra la Provincia, proprietaria dell'ex caserma dei vigili del fuoco di via Piave, e il gruppo che da Sabato la sta occupando (Comunità S.Benedetto al Porto, Csa Crocevia, Subbuglio, Movimento studentesco, Rete sociale per la casa,...

Alessandria – Continua l’occupazione dell’ex caserma

Alessandria – Continua l’occupazione dell’ex caserma

Mentre l'occupazione dell'ex caserma dei Vigili del Fuoco continua a pieno regime, una delegazione di occupanti ha incontrato ieri pomeriggio il vice presidente della Provincia Maria Grazia Morando e gli assessori Barbadoro e Priora, per un primo momento di...

Alessandria – Le associazioni chiedono l’ex caserma dei pompieri

Alessandria – Le associazioni chiedono l’ex caserma dei pompieri

Movimenti, associazioni e centri sociali hanno "liberato" dall'incuria e dall'abbandono la ex caserma dei Vigili del Fuoco di Via Piave. Uno spazio pubblico dimenticato da oltre due anni e riscoperto solo questa estate per svolgerci all'interno la festa provinciale...

Alessandria – Occupata l’ex caserma dei vigili del fuoco

Alessandria – Occupata l’ex caserma dei vigili del fuoco

di Franca Nebbia (da lastampa.it) L'ex caserma dei vigili del fuoco di via Piave, lasciata vuota dopo che è stata realizzata una nuova struttura in via San Giovanni Bosco, è stata occupata ieri da rappresentanti di varie associazioni: Rete per la casa, Comunità...

Alessandria – Liberata ex caserma dei Vigili del Fuoco

Alessandria – Liberata ex caserma dei Vigili del Fuoco

Alle 16.00 di questo pomeriggio è stata occupata l'ex caserma dei Vigili del Fuoco di Alessandria, immobile di proprietà della Provincia che si è trasformato negli ultimi due anni in un fantasma di mattoni e cemento. Di seguito il comunicato stampa congiunto con cui...