L’assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori ha dato oggi all’unanimità il via libera all’introduzione del Welfare Aziendale presso il magazzino Maxi Di Dpiù di Spinetta Marengo ad Alessandria gestito dall’azienda Ant Srl.

Per il periodo compreso dal 1 giugno al 31 dicembre tutte le maestranze usufruiranno di 350 Euro netti di Welfare Aziendale che potranno essere spesi come buoni pasto, buoni benzina e buoni acquisto in generale. Il Welfare Aziendale non sarà legato al Premio di Risultato che rimane inalterato e non sarà legato alla presenza come avviene normalmente per i ticket restaurant.

350 Euro per tutte e tutti a prescindere dalla mansione, dalla produttività e dall’indice di presenza all’interno del magazzino!
Una conquista resa possibile dalla determinazione con cui le lavoratrici e i lavoratori hanno deciso di provare a scrivere una pagina nuova presso il magazzino di Spinetta Marengo abbandonando in massa i sindacati confederali e facendo della nostra Organizzazione Sindacale l’unica presente presso la piattaforma.

Da agosto dell’anno scorso sono state molte le conquiste determinate dall’apertura dello stato di agitazione e dagli scioperi.
Si sono ottenuti 60 passaggi di livello e possiamo oggi scrivere con orgoglio che non vi è più un solo lavoratore con il livello di inquadramento sbagliato.

Vi è il totale rispetto del CCNL applicato Logistica, Trasporto Merci e Spedizione.

Si è ottenuto lo screening di tutti i lavoratori a seguito di un caso di positività al Covid 19.

I lavoratori con limitazioni sono stati ricollocati in mansioni compatibili col loro stato di salute, chi aveva un contratto part time e voleva il passaggio al full time ha visto garantito il suo diritto e vi è il totale rispetto dell’orario di lavoro.

Si è concordata una programmazione delle ferie che permette a tutte e tutti di raggiungere per lunghi periodi i propri paesi di origine.

Ultimo, ma non per ultimo, il clima all’interno del magazzino è di totale rispetto della dignità delle lavoratrici e dei lavoratori.

L’introduzione del Welfare Aziendale rappresenta un ulteriore importante tassello che testimonia ancora una volta come la lotta e l’unità delle lavoratrici e dei lavoratori – cosa ben diversa dall’unità delle sigle sindacali – paghino sempre.

Ciò che per Cgil, Cisl e Uil era impossibile è diventato possibile grazie alle lavoratrici e ai lavoratori e all’instancabile lavoro dei nostri rappresentanti sindacali in magazzino a cui va uno speciale ringraziamento.

Ci auguriamo che questo passaggio possa essere anche di aiuto alle maestranze del magazzino Maxi Di di Vercelli che sono scese in sciopero la scorsa settimana e a cui va tutta la nostra complicità e solidarietà. Siamo a loro disposizione per condividere i percorsi e costruire anche a Vercelli ciò che è stato costruito ad Alessandria. Per noi le lavoratrici e i lavoratori comandano e il sindacato obbedisce.

Tutti insieme senza paura, tutti insieme facciamo paura.

ADL Cobas

ULTIME NOTIZIE


 

L’impianto per il bioetanolo ora fa discutere in Regione

L’impianto per il bioetanolo ora fa discutere in Regione

TORTONA - In attesa che la Provincia fissi la data della Conferenza dei servizi che deciderà sulla realizzazione a Rivalta Scrivia dell’impianto della Ibp per la trasformazione del mais in etanolo - occorre risolvere, prima, il problema della distanza di sicurezza...

Alessandria – Non staremo mai zitti, bloccheremo gli sfratti

Alessandria – Non staremo mai zitti, bloccheremo gli sfratti

"Ci vogliono così: imbavagliati e silenziosi, ma non ci avranno mai come ci vogliono loro". E' iniziata con queste parole la conferenza stampa della Rete Sociale per la Casa, davanti all'ingresso del Comune di Alessandria, a cui hanno partecipato una quarantina di...