Ancora una volta siamo costrette a vedere la politica scagliarsi contro la libertà di scelta delle donne.

“requisiti minimi per gli enti no profit: (…) presenza nello statuto della finalità di tutela della vita fin dal concepimento (…)” riporta il bando emanato dalla Regione Piemonte alla fine dello scorso anno, in piena emergenza Covid19.

Una misura che consentirà alle organizzazioni antiabortiste di proporre la loro propaganda ideologica dei consultori.

Si tratta di luoghi, costantemente dimenticati dalle Istituzioni e con sempre meno finanziamenti e personale, che hanno un ruolo central nella tutela della salute e dei diritti e devono essere rilanciati come luoghi accoglienti, aperti anche a nuovi bisogni, accessibili, garanti delle libertà delle donne e delle soggettività LGBTQIA+.

Il bando regionale – pubblicato anche sul sito dell’ASL di Alessandria – farà sì che, a breve, le donne del nostro territorio che si rivolgeranno ai consultori per l’interruzione volontaria di gravidanza, si sentiranno giudicate, mortificate, confuse.

Aprire i consultori alle organizzazioni provita significa, infatti, mettere ulteriormente in difficoltà le donne che vogliono interrompere una gravidanza. Sebbene formalmente la legge 194 consenta il diritto all’ivg, nei fatti, la procedura è ancora oggi una lotta contro il tempo, la burocrazia e la carenza di personale medico non obiettore.

L’interruzione volontaria di gravidanza deve essere un diritto, non un’esperienza traumatica o un percorso a ostacoli tra obiettori e associazioni antiabortiste

Per questo, sabato 17 aprile saremo in piazza a Torino!

Vogliamo fermarli!

Ma vogliamo anche molto più di 194!

Vogliamo l’accesso gratuito alla contraccezione ed alle cure ginecologiche di ogni genere; l’accesso davvero sicuro, gratuito e garantito all’ivg.

Vogliamo percorsi di educazione sessuale nelle scuole per una sessualità libera e consapevole. Vogliamo consultori accessibili, accoglienti e finanziati dal pubblico che non si occupino solo di cura delle sintomatologie, ma siano davvero luoghi delle donne e delle soggettività LGBTQUIA+ per tutte le età!

Invitiamo tutte le persone e le realtà che hanno a cuore l’autodeterminazione ed il diritto all’aborto ad unirsi a noi, sabato 17 aprile a Torino!

Per info è possibile scrivere a nonunadimeno.alessandria@gmail.com oppure contattare “Non Una di Meno Alessandria”, su Facebook, o @nudm_al, su Instagram.

Ci vogliamo in salute! Ci vogliamo felici e libere di decidere sui nostri corpi!

Non Una di Meno – Casa delle Donne Alessandria 

ULTIME NOTIZIE


 

Sabato 16 ottobre, Tavo e gli Overture in concerto

Sabato 16 ottobre, Tavo e gli Overture in concerto

Il Laboratorio Sociale, in collaborazione con l’etichetta indipendente alessandrina Noize Hills Records, presenta "Tavo & Overture live". Francesco Taverna, in arte TAVO, è un cantautore alessandrino classe '93 che figura tra gli artisti emergenti del panorama...

Call for artists – MIA 2021 – Un altro genere di arte

Call for artists – MIA 2021 – Un altro genere di arte

La Casa delle Donne di Alessandria apre un Call dedicata a tuttə lə artistə che vogliono contribuire a dare vita e voce ai muri del nostro cortile interno durante le due giornate del festival “MIA” che si terrà il 17 e 18 settembre. Crediamo che lo spazio che...

Mia 2021 – Un altro genere di arte

Mia 2021 – Un altro genere di arte

Venerdì 17 e Sabato 18 settembre 2021 la Casa delle Donne apre le porte alla città con la IV edizione di “MIA: Un altro genere di arte”, il festival che ogni anno parla alla città attraverso l’arte: antisessismo, lotta alla violenza di genere, salute, diritti e...

“In provincia l’IVG non è un diritto”

“In provincia l’IVG non è un diritto”

La libertà di decidere sul proprio corpo non è ancora un diritto acquisito e garantito per chi vive nel territorio della provincia di Alessandria. A dimostrarlo, i dati emersi dall’indagine sul diritto all’IVG - coordinata da Non Una di Meno Torino -, e i nuovi...

A proposito di trasparenza e democrazia…

A proposito di trasparenza e democrazia…

Durante il Consiglio Comunale aperto di martedì 15 giugno, dedicato all’attività di Solvay sul territorio della provincia, si è reso evidente quanto ci ha portato a declinare l’invito: l’incontro pubblico altro non è stato che una passerella per Solvay e per le sue...