E’ stato aperto lo stato di agitazione sindacale nel magazzino Nova Coop di Vercelli a seguito dell’indisponibilità della Coop e delle Cooperative Frassati e Work & Service – che hanno l’appalto della gestione logistica del magazzino – di aprire il confronto con la nostra organizzazione sindacale che è stata scelta dalla maggioranza dei lavoratori della piattaforma.

Le lavoratrici e i lavoratori non stanno chiedendo o pretendendo nulla di eclatante, ma di essere trattati come decine di migliaia di loro colleghi che lavorano nel mondo della logistica.

Chiedono di avere la malattia e l’infortunio pagati al 100%.
Chiedono le maggiorazioni previste dal contratto Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni per sabato, straordinario e festivo.
Chiedono il livello di inquadramento corretto come da contratto.
Chiedono il rispetto dell’orario di lavoro e una parte di loro non ne può più di vedersi comunicato l’orario di ingresso all’ultimo momento senza sapere quale sarà l’orario di uscita.
Chiedono un ticket restaurant di Euro 5,29 per ogni giornata di lavoro superiore alle 4 ore.
Chiedono il rispetto dei loro diritti.
Chiedono la dignità che gli è stata sottratta in questi anni con la complicità di organizzazioni sindacali che non hanno fatto ciò che avrebbero dovuto fare.

Abbiamo incontrato queste lavoratrici e questi lavoratori e la frase che più ci siamo sentiti ripetere è stata: “non ce la facciamo più”.
Abbiamo chiesto di incontrare Coop e cooperative e la nostra richiesta è caduta nel vuoto.
Abbiamo chiesto di fare assemblea in orario di lavoro come dispone la legge 300 del 1970 e ci è stato negato.
Abbiamo nominato i rappresentanti sindacali e ci è stato risposto che non verranno riconosciuti.
Abbiamo cercato con convinzione il dialogo ma siamo stati ignorati.

Abbiamo pertanto aperto lo stato di agitazione delle lavoratrici e dei lavoratori a cui, in mancanza dell’apertura di un vero confronto, seguiranno tutte le iniziative di lotta che verranno ritenute più opportune.

Se è vero che “La COOP sei tu” è vero a maggior ragione che la COOP sono le lavoratrici e i lavoratori dei magazzini che con il loro duro lavoro permettono ai prodotti COOP di raggiungere le tavole di milioni di cittadini. Queste lavoratrici e questi lavoratori meritano rispetto.

Noi saremo al loro fianco e faremo con loro ciò che loro decideranno.
Per noi le lavoratrici e i lavoratori comandano e il sindacato obbedisce.
Reddito, diritti e dignità per le lavoratrici e i lavoratori dei magazzini COOP.

ADL COBAS

ULTIME NOTIZIE


 

Sabato 16 ottobre, Tavo e gli Overture in concerto

Sabato 16 ottobre, Tavo e gli Overture in concerto

Il Laboratorio Sociale, in collaborazione con l’etichetta indipendente alessandrina Noize Hills Records, presenta "Tavo & Overture live". Francesco Taverna, in arte TAVO, è un cantautore alessandrino classe '93 che figura tra gli artisti emergenti del panorama...

Call for artists – MIA 2021 – Un altro genere di arte

Call for artists – MIA 2021 – Un altro genere di arte

La Casa delle Donne di Alessandria apre un Call dedicata a tuttə lə artistə che vogliono contribuire a dare vita e voce ai muri del nostro cortile interno durante le due giornate del festival “MIA” che si terrà il 17 e 18 settembre. Crediamo che lo spazio che...

Mia 2021 – Un altro genere di arte

Mia 2021 – Un altro genere di arte

Venerdì 17 e Sabato 18 settembre 2021 la Casa delle Donne apre le porte alla città con la IV edizione di “MIA: Un altro genere di arte”, il festival che ogni anno parla alla città attraverso l’arte: antisessismo, lotta alla violenza di genere, salute, diritti e...

“In provincia l’IVG non è un diritto”

“In provincia l’IVG non è un diritto”

La libertà di decidere sul proprio corpo non è ancora un diritto acquisito e garantito per chi vive nel territorio della provincia di Alessandria. A dimostrarlo, i dati emersi dall’indagine sul diritto all’IVG - coordinata da Non Una di Meno Torino -, e i nuovi...

A proposito di trasparenza e democrazia…

A proposito di trasparenza e democrazia…

Durante il Consiglio Comunale aperto di martedì 15 giugno, dedicato all’attività di Solvay sul territorio della provincia, si è reso evidente quanto ci ha portato a declinare l’invito: l’incontro pubblico altro non è stato che una passerella per Solvay e per le sue...

Pin It on Pinterest