Il Comitato Stop Solvay è allibito dinnanzi all’ennesimo comunicato stampa di Solvay.

“Ci stupisce che sia ancora una volta l’azienda a comunicare direttamente con la cittadinanza, mentre la Giunta Comunale – nonostante molti cittadini abbiano partecipato al presidio di sabato 13 marzo sotto il Comune per chiedere risposte – non abbia sentito l’urgenza di dare riscontro a chi ha urlato a gran voce di sentirsi invisibile agli occhi delle istituzioni” dice Viola Cereda, portavoce del Comitato.

Solvay si è prodigata in meno di 48 ore dal presidio a diramare un comunicato per rassicurare la cittadinanza circa le sue intenzioni in merito alla sicurezza della produzione di cC6o4 e altre sostanze.
Considerata la consueta solerzia dell’azienda, ci sono alcune domande che il Comitato vorrebbe fare in merito a quest’ultima nota stampa. “Domande alle quali – aggiunge Viola – ci piacerebbe rispondessero anche le Istituzioni”.

Com’è possibile che nel giro di 6 mesi Solvay sia riuscita a risolvere problemi che erano già presenti quando si insediò a Spinetta Marengo vent’anni fa?
Se le soluzioni erano così facilmente praticabili, perché la multinazionale ha aspettato 20 anni prima di attivarsi affinché gli inquinanti non fuoriuscissero dallo stabilimento?
Chi ripaga le donne e gli uomini di Spinetta dei morti e delle malattie di questi 20 anni?
Come è possibile continuare a credere a chi, esattamente come le aziende che han gestito in precedenza il polo chimico, continua ad avvelenare persone e territori?

“Convinti del fatto – conclude Viola – che Solvay non riuscirà a smettere di avvelenarci come vorrebbe farci credere, ripetiamo che Solvay è incompatibile con la vita e che uno stabilimento incompatibile con la salute di un territorio e delle persone che lo vivono, non può che essere chiuso. Vogliamo risposte dall’amministrazione. Chi resta in silenzio è complice!”

ULTIME NOTIZIE


 

“In provincia l’IVG non è un diritto”

“In provincia l’IVG non è un diritto”

La libertà di decidere sul proprio corpo non è ancora un diritto acquisito e garantito per chi vive nel territorio della provincia di Alessandria. A dimostrarlo, i dati emersi dall’indagine sul diritto all’IVG - coordinata da Non Una di Meno Torino -, e i nuovi...

A proposito di trasparenza e democrazia…

A proposito di trasparenza e democrazia…

Durante il Consiglio Comunale aperto di martedì 15 giugno, dedicato all’attività di Solvay sul territorio della provincia, si è reso evidente quanto ci ha portato a declinare l’invito: l’incontro pubblico altro non è stato che una passerella per Solvay e per le sue...

La lotta paga: Welfare Aziendale a Maxi Di Alessandria!

La lotta paga: Welfare Aziendale a Maxi Di Alessandria!

L’assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori ha dato oggi all’unanimità il via libera all’introduzione del Welfare Aziendale presso il magazzino Maxi Di Dpiù di Spinetta Marengo ad Alessandria gestito dall’azienda Ant Srl. Per il periodo compreso dal 1 giugno al 31...

Raccolta farmaci per Gaza

Raccolta farmaci per Gaza

La situazione sanitaria a Gaza si sta facendo sempre più grave. I bombardamenti israeliani hanno provocato morte e distruzione in una popolazione già allo stremo. L'associazione genovese Music for Peace ha lanciato una raccolta straordinaria di farmaci da destinare...

Perchè vogliamo #moltopiùdiZAN?

Perchè vogliamo #moltopiùdiZAN?

Sabato 15 maggio alle ore 17 saremo anche noi in Piazza Santa Maria di Castello ad Alessandria contro la violenza omolesbobitransfobica, per l’approvazione della legge Zan e #moltopiùdizan! L'Italia - secondo la Rainbow Map dell’ILGA, International Lesbian and Gay...