2015: l’Italia con l’UE firmano l’accordo di Parigi impegnandosi a ridurre le proprie emissioni di gas a effetto serra per non superare l’aumento della temperatura globale di 1.5°C. Per raggiungere questo scopo, una delle iniziative fondamentali è il progressivo abbandono di tutti i combustibili fossili. In Italia, tuttavia, vi sono alcune delle maggiori compagnie fossili al mondo, come Eni, Enel e Snam i cui piani puntano ancora fortemente su petrolio, gas e carbone. Piani finanziati da banche tra cui Unicredit e Intesa San Paolo, il cui ruolo è determinante per lo sviluppo di nuovi giacimenti e la costruzione di altri gasdotti che contrastano la transizione ecologica decisa durante la COP21. Dall’accordo di Parigi ad oggi, Unicredit è responsabile della produzione di 37 milioni di tonnellate di CO2 all’anno piazzandosi al 13° posto tra le banche europee che finanziano il fossile. Insieme a Intesa San Paolo, ha finanziato le società fossili italiane per un valore di 9.7 miliardi di euro. La devastazione prodotta dalle scelte di questa banca supera i confini nazionali ed arriva fino in Turchia dove ha giocato un ruolo determinante supportando la realizzazione delle centrali e miniere che stanno devastando la regione turca di Mugla.

L’intreccio tra governi, banche e industrie fossili in nome di un profitto per pochi sta danneggiando la vita di tutti e tutte noi e nega la crisi ecologica, sanitaria ed economica che stiamo vivendo. Quello che serve è una transizione ecologica vera, con al centro le persone ed il loro benessere. Per questo motivo, a 5 anni di distanza dall’accordo di Parigi vogliamo far sentire la nostra voce! Non permetteremo che a pagare le conseguenze di queste scelte siano le fasce più deboli della società!

Riseup4climatejustice e Fridays For Future Alessandria vi invitano, Sabato 12 Dicembre ore 15.30, in Piazzetta della Lega per denunciare le scelte criminali di Unicredit. È tempo di lottare per il mondo in cui vivremo!

#riseup4climatejustice

 

ULTIME NOTIZIE


 

“In provincia l’IVG non è un diritto”

“In provincia l’IVG non è un diritto”

La libertà di decidere sul proprio corpo non è ancora un diritto acquisito e garantito per chi vive nel territorio della provincia di Alessandria. A dimostrarlo, i dati emersi dall’indagine sul diritto all’IVG - coordinata da Non Una di Meno Torino -, e i nuovi...

A proposito di trasparenza e democrazia…

A proposito di trasparenza e democrazia…

Durante il Consiglio Comunale aperto di martedì 15 giugno, dedicato all’attività di Solvay sul territorio della provincia, si è reso evidente quanto ci ha portato a declinare l’invito: l’incontro pubblico altro non è stato che una passerella per Solvay e per le sue...

La lotta paga: Welfare Aziendale a Maxi Di Alessandria!

La lotta paga: Welfare Aziendale a Maxi Di Alessandria!

L’assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori ha dato oggi all’unanimità il via libera all’introduzione del Welfare Aziendale presso il magazzino Maxi Di Dpiù di Spinetta Marengo ad Alessandria gestito dall’azienda Ant Srl. Per il periodo compreso dal 1 giugno al 31...

Raccolta farmaci per Gaza

Raccolta farmaci per Gaza

La situazione sanitaria a Gaza si sta facendo sempre più grave. I bombardamenti israeliani hanno provocato morte e distruzione in una popolazione già allo stremo. L'associazione genovese Music for Peace ha lanciato una raccolta straordinaria di farmaci da destinare...

Perchè vogliamo #moltopiùdiZAN?

Perchè vogliamo #moltopiùdiZAN?

Sabato 15 maggio alle ore 17 saremo anche noi in Piazza Santa Maria di Castello ad Alessandria contro la violenza omolesbobitransfobica, per l’approvazione della legge Zan e #moltopiùdizan! L'Italia - secondo la Rainbow Map dell’ILGA, International Lesbian and Gay...