Le lavoratrici delle pulizie dell’Ospedale di Alessandria non sono invisibili, devono essere ascoltate. Con queste parole ADL Cobas e Casa delle Donne hanno tenuto in mattinata un presidio statico davanti all’ingresso dell’Ospedale di Alessandria, in Via Venezia, assieme alle dipendenti della Team Service – ditta appaltatrice delle pulizie in Ospedale.

A distanza infatti di tre settimane dal primo presidio organizzato sotto la Prefettura, in cui le lavoratrici denunciavano una situazione di particolare gravità per la propria salute, a causa delle condizioni in cui sono costrette da mesi a lavorare, nulla è cambiato.

Allora, lunedì 16 novembre, avevamo posto l’attenzione sul fatto che, nonostante l’emergenza sanitaria in corso da marzo, la Team Service non avesse ritenuto opportuno sottoporre le/i propri/e dipendenti a tamponi periodici e/o test sierologici. E che, inoltre, le lavoratrici sono tenute a lavorare con una fornitura spesso inadeguata di DPI e utilizzando spogliatoi non in sicurezza dal punto di vista del rischio di contagio.

Dopo quel primo presidio, la questione tamponi è stata sollevata anche in Consiglio Comunale, dove il Direttore Generale dell’Ospedale, Giacomo Centini, aveva riferito di una formale diffida ad adempiere alle richieste delle lavoratrici inviata alla Team Service.

Ma poi nessuno ha più mosso un passo e la situazione non può rimanere ferma. Le lavoratrici delle pulizie non sono persone invisibili. Sono coloro che rendono possibile lo svolgimento di ogni attività sanitaria in sicurezza e nel rispetto dell’igiene collettiva. E lo fanno a discapito della propria salute, costringendo i propri corpi all’usura, accettando turni difficili, a fronte di paghe minime. Le loro richieste non posso rimanere inascoltate.

Se la Team Service continua a rimanere sorda alle legittime richieste delle sue dipendenti in merito alla tutela della salute, dev’essere allora la Direzione Ospedaliera a prendersi carico della tutela della salute dei/delle lavoratrici, dei loro affetti e dei/delle pazienti dell’ospedale. Questo chiedono le dipendenti e questo chiediamo come sindacato.

ADL Cobas Alessandria

 

ULTIME NOTIZIE


 

Fuori gli antiabortisti dai consultori! Sabato 17 aprile tutt* a Torino!

Fuori gli antiabortisti dai consultori! Sabato 17 aprile tutt* a Torino!

Ancora una volta siamo costrette a vedere la politica scagliarsi contro la libertà di scelta delle donne. “requisiti minimi per gli enti no profit: (…) presenza nello statuto della finalità di tutela della vita fin dal concepimento (…)” riporta il bando emanato dalla...

Il sindaco leghista svende il territorio e la salute pubblica

Il sindaco leghista svende il territorio e la salute pubblica

L'ormai ex direttore dell'ospedale di Alessandria, Giacomo Centini, ringrazia “in particolare il sindaco di Alessandria Gianfranco Cuttica di Revigliasco che ha favorito il nostro incontro con Solvay: lui è stato il tramite”. Uno studio epidemiologico - pubblicato da...

Parte la campagna di boicottaggio contro la Coop

Parte la campagna di boicottaggio contro la Coop

In solidarietà con le lavoratrici e i lavoratori in lotta nel magazzino di Vercelli Inizia sabato 3 aprile la campagna di boicottaggio contro la Coop. Se vuoi partecipare in solidarietà con le lavoratrici e i lavoratori di Vercelli scarica e stampa il manifesto e il...

Seconda giornata di sciopero alla Coop di Vercelli

Seconda giornata di sciopero alla Coop di Vercelli

Oggi si è tenuta la seconda giornata consecutiva di sciopero al magazzino Coop di Vercelli. L'adesione è stata ancora più alta di quella di ieri con altre lavoratrici e altri lavoratori che si sono uniti alla protesta. I rappresentanti sindacali della Cgil hanno...