E’ morto Giulio Armano, pilastro generoso delle lotte ambientaliste nel nostro territorio.

Con Giulio ci incontrammo vent’anni fa all’inizio della nostra storia politica quando in Val Lemme c’era una forte mobilitazione popolare contro la nuova cava Cementir. E da allora non ci siamo più lasciati. Scoprimmo la sua storia, quella di un uomo che aveva sempre saputo stare dalla parte giusta. La storia di Giulio è la storia delle battaglie contro il nucleare nella sua Bosco Marengo dove era anche stato Consigliere Comunale. Ma è anche la storia di un uomo che era ovunque ci fosse da difendere i diritti di tutti e l’ambiente contro le decine di progetti nocivi che una classe politica stolta ha sempre avvallato sul nostro territorio. Gli abbiamo voluto tanto bene e lui ne ha sempre voluto a noi, accompagnandoci con la sua solita discrezione fin da quando iniziammo a muovere i primi passi.

Giulio era malato da molti anni ma questo non aveva mai fatto venire meno la sua voglia di lottare per un mondo migliore. Ancora recentemente in una delle telefonate che faceva “per sapere come stessero i ragazzi” aveva voluto sapere della battaglia contro Solvay ed era felice che si fosse riusciti a far accendere i riflettori su questa vicenda.

“Noi ti dobbiamo dei ringraziamenti collettivi per come eri e insieme a noi ancora vivi”.

Le compagne e i compagni del Laboratorio Sociale

Il funerale sarà mercoledì alle ore 9,30 presso la chiesa parrocchiale di Bosco Marengo.

ULTIME NOTIZIE


 

I lavoratori dello spettacolo murano simbolicamente la Regione Piemonte

I lavoratori dello spettacolo murano simbolicamente la Regione Piemonte

Torino 6 dicembre 2020 RISOLVERE L'EMERGENZA - ORGANIZZARE LA RIPARTENZA - COSTRUIRE IL FUTURO Il simbolico muro eretto ieri da centinaia di mani e composto da alcuni dei nostri strumenti del mestiere, bauli, leggii, maschere, è il simbolo del muro di incomunicabilità...