E’ stato un anno difficile, un anno in cui la crisi sanitaria – ed i conseguenti e necessari mesi di isolamento e di distanziamento fisico – ha acuito le fragilità ed alimentato le situazioni di disagio, di violenza domestica, di emergenza abitativa. In questi mesi ci siamo attivate in forma digitale e, per far sì che il distanziamento fisico non si trasformasse in distanziamento sociale, abbiamo avviato lo sportello “Non sei sola”, con cui abbiamo incontrato, supportato decine di donne e che continua ad essere attivo al nostro numero telefonico 351 5920855.

Ora, dopo un periodo estivo fatto di nuovi e importanti lavori di ristrutturazione – indispensabili dopo il forzato periodo di chiusura a causa del lockdown e i devastanti eventi atmosferici che hanno coinvolto la città nell’ultimo periodo – abbiamo deciso di riaprire la Casa, con tutte le attenzioni necessarie a garantire la sicurezza sanitaria delle persone che la attraverseranno.

Lo facciamo con MIA, un’iniziativa dedicata all’arte nelle sue diverse forme, un festival che ha accompagnato l’esperienza della Casa delle Donne fin dalla sua nascita. Sarà una tre giorni di mostre, laboratori, danza, musica e teatro per promuovere e diffondere “Un altro genere di arte” e parlare alla città di diritti, antisessismo e lotta alla violenza di genere usando i linguaggi dell’arte. Da sempre crediamo, infatti, che sia necessario un profondo cambiamento culturale affinché si rompano le relazioni di forza che regolano i rapporti sociali e si possano ridefinire i rapporti tra i generi.

Il festival, che si svolgerà il 18, 19 e 20 settembre, sarà anche occasione per tornare a far parlare il muro esterno della Casa delle Donne, la cui scritta “Le strade sicure le fanno che donne che le attraversano” è stata cancellata nei mesi scorsi da uno zelante imbianchino notturno.

Riapriamo a un mese dalla notizia della nomina della commissaria straordinaria deputata alla gestione dell’edificio che ci ospita e lo facciamo convinte che oggi – anche alla luce della nuova crisi sociale – un luogo di incontro, riflessione e iniziativa culturale e politica che abbia come perno del proprio agire il contrasto alla violenza di genere sia ancor più necessario.

Sappiamo con certezza che saranno ancora tante (come già lo sono state) le persone che avranno voglia e necessità di “restare” alla Casa delle Donne e da lì non ce ne andremo!

Noi restiamo alla Casa!

#iorestoallaCasa

 

Non Una di Meno Alessandria 
Casa delle Donne

ULTIME NOTIZIE


 

Inizia la lotta al magazzino Maxi Dì di Spinetta Marengo

Inizia la lotta al magazzino Maxi Dì di Spinetta Marengo

Sabato si è svolta presso il Laboratorio Sociale l'assemblea dei lavoratori e delle lavoratrici di ADL Cobas Alessandria del magazzino Maxi Dì di Spinetta Marengo. Sono state scelte le Rappresentanze Sindacali Aziendali ed è stata approvata la piattaforma di lotta. La...

Sabato 26 settembre “Cara Professoressa” al Laboratorio Sociale

Sabato 26 settembre “Cara Professoressa” al Laboratorio Sociale

Già nostro ospite per "Nazieuropa", sabato 26 settembre torna sul palco del Laboratorio Sociale Beppe Casales. Questa volta l'attore e autore porta in scena "Cara professoressa", spettacolo sulla scuola pubblica. Uno spettacolo nato dall'esperienza personale...

Venerdì 25 settembre iniziativa e assemblea di Fridays For Future

Venerdì 25 settembre iniziativa e assemblea di Fridays For Future

Abbiamo passato i mesi del lockdown ad ascoltare il mondo intero parlare di quanto i livelli di inquinamento e le svariate problematiche legate all'emergenza climatica stessero subendo un miglioramento, grazie all'assenza dell'uomo. Abbiamo iniziato a renderci conto...

ADL Cobas entra nel magazzino Maxi Dì di Spinetta Marengo

ADL Cobas entra nel magazzino Maxi Dì di Spinetta Marengo

Un gruppo di lavoratori del magazzino Maxi Dì di Spinetta Marengo ha deciso di abbandonare la CGIL e di iscriversi alla nostra organizzazione sindacale. Stiamo parlando del più grande magazzino della città di Alessandria gestito da ANT Srl per conto del terzo gruppo...