La Casa delle Donne di Alessandria si prepara a ripartire ancora più accogliente e viva, in vista degli impegni autunnali. Punto di riferimento in città a sostegno delle donne e delle soggettività LGBTQIA+, in realtà le sue attività non si sono mai fermate. Né durante la fase più critica dell’emergenza sanitaria – grazie allo sportello telefonico Non sei sola, che ha aiutato decine di donne in difficoltà durante la fase di isolamento – né nelle settimane estive appena trascorse, grazie all’inaugurazione dello sportello del sindacato ADL Cobas, a sostegno delle lavoratrici.

Ma la Casa ha bisogno di cura, tanto più dopo il forzato periodo di chiusura a causa del lockdown e i devastanti eventi atmosferici che hanno coinvolto la città all’inizio di agosto, provocando danni anche al nostro edificio. Ecco perché a partire dal prossimo fine settimana il collettivo di Non Una di Meno sarà al lavoro per una serie di interventi di manutenzione necessari a mettere in sicurezza lo stabile di Piazzetta Monserrato 1 e renderlo ancora più accogliente e adatto a essere attraversato, anche in vista della terza edizione del festival Mia. Che genere di arte.

Sarà come sempre un lavoro di cura collettivo e partecipato, come è stato negli ultimi due anni, fin dal momento in cui – nel giugno 2018 – la Casa delle Donne ha aperto. Allora trovammo un edificio chiuso e abbandonato all’incuria, per tanti aspetti inutilizzabile. Fin da subito siamo intervenute per ridare vita a quegli spazi, facendolo in maniera collettiva, assieme a tante persone che hanno creduto nel progetto della Casa delle Donne e che hanno contribuito in diverse modalità a rendere la Casa un luogo di tutt*. Era un progetto che noi e le 3.000 persone che nel 2018 firmarono l’appello per individuare in città uno spazio adeguato a ospitare la Casa percepivamo come necessario per contrastare la violenza di genere in ogni sua forma, e che necessario si è rivelato davvero. Ne sono testimonianza le centinaia di persone che tra quelle mura sono transitate e hanno trovato ascolto, accompagnamento e accoglienza, le piazze che abbiamo saputo riempire, il dibattito culturale che la Casa ha alimentato in questi due anni con eventi partecipatissimi, lo spazio di iniziativa politica che ha saputo creare, le ospiti e gli ospiti che abbiamo avuto con noi.

Della Casa non abbiamo smesso un attimo di prenderci cura. Non possiamo neanche immaginare in che stato si troverebbe lo stabile se in questi due anni non fossimo state noi a intervenire, per mettere in sicurezza, ripulire e rendere agibili le sue varie aree. Periodo in cui – come se non bastasse – abbiamo anche dovuto far fronte ad atti di vandalismo e tentativi di silenziare e screditare il lavoro svolto a sostegno e al fianco delle donne e delle soggettività LGBTQIA+. E non smetteremo certo di farlo ora, a fronte della nomina – da parte del Consiglio Regionale del Piemonte – della commissaria straordinaria deputata alla gestione dell’edificio e che ha nel suo mandato anche lo sgombero.

La Casa delle Donne andrà avanti e lo farà grazie alla nostra cura e alla partecipazione di tutt* coloro che continuano a sostenere questo progetto. I lavori sono alle porte e nel giro di qualche settimana la Casa sarà più bella e favolosa che mai.

Casa delle Donne – Non Una di Meno Alessandria

ULTIME NOTIZIE


 

Ecco perchè un sindacato alla Casa delle Donne

Ecco perchè un sindacato alla Casa delle Donne

A partire dal 2016 l’esperienza di Non una di Meno ha riportato all’attenzione del dibattito pubblico il tema delle discriminazioni e delle violenze di genere. Al grido di “Ni una menos, vivan nos queremos” le femministe di tutto il mondo hanno riaperto uno spazio di...

Le strade sicure le fanno le donne che le attraversano!

Le strade sicure le fanno le donne che le attraversano!

C'è chi ancora pensa che la sicurezza debba essere garantita con telecamere, apertura del centro alle macchine "perché le donne non sono tranquille a tornare a casa" (citazione del nostro vice sindaco detta non meno di 6 mesi fa, quando strumentalizzò noi donne per...

26 giugno, aperitivo e proiezione del film “Pride”

26 giugno, aperitivo e proiezione del film “Pride”

Nella giornata di mobilitazione nazionale di #nonunadimeno la Casa delle Donne sarà aperta, a partire dalle ore 18.00, nel rispetto delle misure di prevenzione del contagio da covid-19, tutelando le donne, gli uomini e le/i bambine/i che saranno presenti. Il grande...

La lettera di Viola su Solvay: pretendiamo e lottiamo!

La lettera di Viola su Solvay: pretendiamo e lottiamo!

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Viola: La mia famiglia abita a Spinetta da almeno 5 generazioni e il polo chimico, ora di proprietà di Solvay, ha fatto da cornice alla mia infanzia. Di queste 5 generazioni, con certezza due si sono ammalate di diversi tumori....

Conferenza dei servizi Solvay: la Provincia ha scelto di non decidere

Conferenza dei servizi Solvay: la Provincia ha scelto di non decidere

Questa mattina, nell'ambito della Conferenza dei Servizi convocata per approvare l'ampliamento della produzione di cC6O4 nell'impianto Solvay di Spinetta Marengo, la Provincia ha scelto di NON DECIDERE e di rinviare la conferenza dei servizi a fine agosto. Ha scelto...

Reddito, diritti, dignità: nasce ADL Cobas ad Alessandria

Reddito, diritti, dignità: nasce ADL Cobas ad Alessandria

Il tratto distintivo della vita di milioni di lavoratrici e lavoratori è quello della precarietà. Stipendi troppo bassi con cui è difficile costruire una vita dignitosa, messa in discussione o totale assenza di diritti fondamentali come maternità, malattia e ferie,...