E’ una storia antica, risalente a fine 2012, quando il Consiglio Provinciale votò all’unanimità la messa in vendita delle mura del Laboratorio Sociale su volere dell’allora Presidente dell’ente, il “democratico” Paolo Filippi.
E’ una storia che ciclicamente torna a galla fra tentativi non riusciti e rapide retromarce a seguito di campagne e mobilitazioni.
E’ una storia che si ripresenta oggi per volontà dell’attuale Presidente della Provincia di Forza Italia Gianfranco Baldi che ha deciso di bandire un’asta immobiliare con cui le mura del Laboratorio Sociale e non solo quelle vengono messe in vendita per la modica cifra di 1.680.000 Euro. Potremmo snocciolare i dati su cosa il Laboratorio Sociale ha fatto e continua a fare nella e per la città di Alessandria ma questo comunicato si trasformerebbe in un trattato. Tutti sanno cos’è e chi sono quelle e quelli del Laboratorio Sociale e tutti sanno quanto la nostra città che amiamo sarebbe più povera socialmente e culturalmente senza quelle mura. Mura che oggi cadrebbero a pezzi e non varrebbero nulla senza i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria fatti in questi anni. Mura amiche per decine di migliaia di persone (sì decine di migliaia di persone le hanno attraversate). Mura che solo una classe politica inetta e stolta può voler mettere in discussione.

Davanti a questo, con la tranquillità che esprime chi sa di essere nel giusto, vorremmo dire alla città tutta e al malgoverno che attanaglia la nostra città e la nostra provincia quattro semplici cose.

1. Sapevamo che Baldi lo avrebbe fatto nonostante abbia più volte spergiurato sui giornali il contrario. La sua parola vale meno di zero come la vicenda della discarica di Sezzadio ha reso più volte evidente. Il Laboratorio Sociale continuerà a vivere e Baldi presto finirà nell’oblio come è giusto che accada ai bugiardi.

2. Chiunque avesse intenzione di comprare quelle mura sappia che comprerà anche la resistenza di chi in quelle mura ha speso un bel pezzo della propria vita. Non per interesse personale o per arricchirsi ma per il bene della comunità in cui vive.

3. Questa è per noi una lotta senza resa e resisteremo con ogni mezzo necessario a un eventuale sgombero. Siamo persone che dicono quello che pensano e fanno quello che dicono. Lo sanno tutti, gli amici e i nemici. Senza resa significa senza resa. Con ogni mezzo necessario significa con ogni mezzo necessario.

4. A chi ci vuole bene chiediamo di affrontare questo passaggio con la calma. La calma è la virtù dei giusti. Quando e se sarà il momento avremo bisogno di tutto l’amore di cui siete capaci.

E’ tutto. Quella del Laboratorio Sociale è una storia lungi dal terminare.

Alessandria, martedì 7 luglio
Laboratorio Sociale

AGGIORNAMENTO DEL 3 AGOSTO
La gara per la vendita del Lab è andata deserta. Ora va tolto dal mercato.

 

ULTIME NOTIZIE


 

Ecco perchè un sindacato alla Casa delle Donne

Ecco perchè un sindacato alla Casa delle Donne

A partire dal 2016 l’esperienza di Non una di Meno ha riportato all’attenzione del dibattito pubblico il tema delle discriminazioni e delle violenze di genere. Al grido di “Ni una menos, vivan nos queremos” le femministe di tutto il mondo hanno riaperto uno spazio di...

Le strade sicure le fanno le donne che le attraversano!

Le strade sicure le fanno le donne che le attraversano!

C'è chi ancora pensa che la sicurezza debba essere garantita con telecamere, apertura del centro alle macchine "perché le donne non sono tranquille a tornare a casa" (citazione del nostro vice sindaco detta non meno di 6 mesi fa, quando strumentalizzò noi donne per...

26 giugno, aperitivo e proiezione del film “Pride”

26 giugno, aperitivo e proiezione del film “Pride”

Nella giornata di mobilitazione nazionale di #nonunadimeno la Casa delle Donne sarà aperta, a partire dalle ore 18.00, nel rispetto delle misure di prevenzione del contagio da covid-19, tutelando le donne, gli uomini e le/i bambine/i che saranno presenti. Il grande...

La lettera di Viola su Solvay: pretendiamo e lottiamo!

La lettera di Viola su Solvay: pretendiamo e lottiamo!

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Viola: La mia famiglia abita a Spinetta da almeno 5 generazioni e il polo chimico, ora di proprietà di Solvay, ha fatto da cornice alla mia infanzia. Di queste 5 generazioni, con certezza due si sono ammalate di diversi tumori....

Conferenza dei servizi Solvay: la Provincia ha scelto di non decidere

Conferenza dei servizi Solvay: la Provincia ha scelto di non decidere

Questa mattina, nell'ambito della Conferenza dei Servizi convocata per approvare l'ampliamento della produzione di cC6O4 nell'impianto Solvay di Spinetta Marengo, la Provincia ha scelto di NON DECIDERE e di rinviare la conferenza dei servizi a fine agosto. Ha scelto...