Nel corso di questi mesi di lockdown non abbiamo potuto fare a meno di domandarci quanto l’emergenza sanitaria abbia influito sull’accesso alle cure per le donne, anche con riferimento all’IVG. Infatti, se già normalmente in Italia il percorso di interruzione di gravidanza rischia di trasformarsi in un giro dell’oca tutt’altro che divertente – costellato di innumerevoli intralci rappresentati da un elevatissimo numero di medici obiettori e consultori animati da associazioni anti-abortiste –, con l’emergenza sanitaria in corso l’accesso alle cure è diventato ancora più ostico.

Cos’è cambiato per tutte quelle donne che durante il lockdown hanno avuto necessità di rivolgersi alle strutture pubbliche per tutelare il proprio diritto alla salute?
Cos’è cambiato nel normale lavoro delle operatrici e degli operatori sanitari?
Quali servizi hanno continuato ad essere garantiti (non solo “sulla carta”) e quali invece sono stati reputati sacrificabili?
Quali misure sono state adottate per garantire empatia ed umanità alle pazienti nonostante il distanziamento fisico ed i presìdi necessari per evitare il contagio?

Per rispondere a queste ed altre innumerevoli domande abbiamo deciso di sfruttare gli strumenti tecnologici in nostro possesso e dar vita ad un incontro in diretta nel corso del quale proveremo ad indagare la situazione circostante, adottando una doppia prospettiva: territoriale e nazionale.

Abbiamo infatti pensato di rivolgere alcune domande ad operatrici ed operatori sanitarie/i impegnate/i nelle strutture pubbliche situate nel nostro territorio per comprendere quanto, nella nostra Provincia, il diritto alla salute e l’accesso alle cure siano stati compromessi dall’emergenza sanitaria tutt’ora in essere.

Sul piano nazionale, invece, abbiamo accolto con grandissimo entusiasmo la campagna S.O.S. ABORTO lanciata da Obiezione Respinta, NON UNA DI MENO ed IVG, ho abortito e sto benissimo, attraverso la quale si intendere cogliere l’occasione che questa emergenza sanitaria ci offre per compiere grandi passi avanti in materia di interruzione volontaria di gravidanza. Per questo motivo Obiezione Respinta sarà ospite della diretta per approfondire i punti della campagna S.O.S. ABORTO e per aiutarci a costruire un quadro completo di cosa abbia significato ricorrere all’IVG ai tempi del COVID-19.
Riteniamo infatti che i punti della campagna S.O.S. ABORTO (abolizione della settimana di riflessione, somministrazione della RU486 nei consultori e fino alla nona settimana, rifinanziamento dei consultori) possano rappresentare un ottimo punto di partenza ed, appunto, una proficua occasione per svecchiare la normativa italiana in materia di IVG ed abbattere definitivamente lo stigma che ancora troppo spesso si riversa sulle donne che decidono di ricorrere all’aborto.

Sabato 16 maggio alle ore 16 partecipa alla diretta per raccogliere informazioni utili e ragionare tutt* insieme sulle rivendicazioni che, a partire da domani, vogliamo mettere in campo per tutelare la salute e l’accesso libero e gratuito alle cure per tutte e tutti.

 

Non Una di Meno Alessandria – Casa delle Donne

ULTIME NOTIZIE


 

La lotta paga: Welfare Aziendale a Maxi Di Alessandria!

La lotta paga: Welfare Aziendale a Maxi Di Alessandria!

L’assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori ha dato oggi all’unanimità il via libera all’introduzione del Welfare Aziendale presso il magazzino Maxi Di Dpiù di Spinetta Marengo ad Alessandria gestito dall’azienda Ant Srl. Per il periodo compreso dal 1 giugno al 31...

Raccolta farmaci per Gaza

Raccolta farmaci per Gaza

La situazione sanitaria a Gaza si sta facendo sempre più grave. I bombardamenti israeliani hanno provocato morte e distruzione in una popolazione già allo stremo. L'associazione genovese Music for Peace ha lanciato una raccolta straordinaria di farmaci da destinare...

Perchè vogliamo #moltopiùdiZAN?

Perchè vogliamo #moltopiùdiZAN?

Sabato 15 maggio alle ore 17 saremo anche noi in Piazza Santa Maria di Castello ad Alessandria contro la violenza omolesbobitransfobica, per l’approvazione della legge Zan e #moltopiùdizan! L'Italia - secondo la Rainbow Map dell’ILGA, International Lesbian and Gay...

Pfas e sostanze inquinanti: non c’è limite al peggio?

Pfas e sostanze inquinanti: non c’è limite al peggio?

L'audizione, del 28 aprile scorso, della Commissione Parlamentare d’Inchiesta che sta indagando sui #PFAS e sull'attività di Solvay Group nella nostra provincia ci spinge ad alcune ulteriori considerazioni su una questione che riteniamo centrale: i “limiti” agli...

Fuori gli antiabortisti dai consultori! Sabato 17 aprile tutt* a Torino!

Fuori gli antiabortisti dai consultori! Sabato 17 aprile tutt* a Torino!

Ancora una volta siamo costrette a vedere la politica scagliarsi contro la libertà di scelta delle donne. “requisiti minimi per gli enti no profit: (…) presenza nello statuto della finalità di tutela della vita fin dal concepimento (…)” riporta il bando emanato dalla...