Crediamo che coltivare la dimensione collettiva in queste settimane di isolamento che, per certi versi, può diventare alienazione dalla realtà sia una forma fondamentale di resistenza a cui nessun* dovrebbe rinunciare. Per questo, sabato 11 aprile, ci siamo date appuntamento sul web, l’unico strumento di cui ora disponiamo per incontraci, per il terzo appuntamento di #nonseisola, una serie di call aperte per discutere e confrontarsi sul presente immaginando le lotte dell’imminente futuro.

Come spesso accade nella pratica femminista, il partire da sé e dal proprio vissuto si rivela prezioso per leggere gli eventi in chiave politica e attraverso una prospettiva di genere.

Ci è sempre più chiaro che la crisi sanitaria dovuta alla diffusione di Covid-19 farà presto largo ad una crisi economica e sociale che non potrà essere affrontata con l’attuale sistema di welfare, parziale e inadeguato anche in epoca pre Covid.

Il capitalismo neoliberista sfrenato è il burattinaio che ha mosso i fili dei fantocci oggi colpevoli di aver messo a rischio la salute di tutte e tutti, a colpi di tagli alla sanità e sfruttamento delle persone in nome del profitto. Dobbiamo essere capaci di tagliare quei fili per non permettere che il ritorno alla normalità sia una mera conservazione dello stato pre esistente, già profondamente ingiusto e diseguale.

Occorre individuare nuovi strumenti di liberazione che abbraccino tutta la popolazione senza distinzioni. Il welfare post pandemia dovrà necessariamente prevedere un reddito universale incondizionato e slegato dal lavoro perchè la salute non possa più essere barattata con un posto di lavoro, perchè il benessere psicofisico di una persona non sia mai più sotto ricatto.

Tra qualche settimana, riapriremo le porte delle nostre case e ne usciremo cambiate, segnate dalle paure che abbiamo imparato a riconoscere e controllare, provate dal carico che alcune hanno dovuto sostenere più di altre.

Ne usciremo, però, ancora più consapevoli delle ingiustizie che questa crisi ha solo reso più evidenti pronte a proseguire il cammino che, insieme, abbiamo tracciato attraverso la relazione e il confronto.

Sapremo di non essere sole, ma nodi di una rete che avvolge i quattro angoli del globo, onde di una marea inarrestabile e determinata.

Non Una di Meno Alessandria – Casa delle Donne

ULTIME NOTIZIE


 

Tremate, tremate, le streghe son tornate

Tremate, tremate, le streghe son tornate

Ad Halloween, al grido "Più culoni, meno Menloni" il Laboratorio Sociale e la Casa delle Donne di Alessandria vi invitano alla serata più queer, irriverente, favolosa e ribelle della città. Lunedì 31 ottobre, al Laboratorio Sociale in via Piave 63 ad Alessandria,...

Ricominciano le attività al Laboratorio Sociale

Ricominciano le attività al Laboratorio Sociale

Venerdì 14 ottobre riapriranno le porte del Laboratorio Sociale, spazio giunto ormai al suo quattordicesimo anno di attività politica e sociale ad Alessandria.  Dopo aver ospitato l’assemblea pubblica del Comitato Stop Solvay e il festival MIA, organizzato da Non Una...

Giovedì 13 ottobre, proiezione del documentario “Chemical Bros”

Giovedì 13 ottobre, proiezione del documentario “Chemical Bros”

Verso la manifestazione del 15 ottobre il Laboratorio Sociale ospita una serata dedicata al tema della tutela dell'ambiente e della salute delle persone: giovedì 13 ottobre alle 21.00 la proiezione del documentario "Chemical bros". La proiezione sarà accompagnata dal...

Il 15 ottobre Manifestazione Stop Solvay

Il 15 ottobre Manifestazione Stop Solvay

Mesi fa alcune persone hanno deciso di mettersi a disposizione della comunità, di mettere da parte le proprie paure, e partecipare all'inchiesta "Solvay: la pollution invisible". I risultati sono chiari: nel sangue del 55% degli spinettesi il PFOA supera la soglia di...

Pin It on Pinterest