Qui sotto è possibile vedere e ascoltare il video della call #nonseisola dedicata al lavoro riproduttivo all’epoca del Covid 19, di domenica 29/03/20, da cui sono emerse riflessioni e spunti per comprendere la fase che stiamo attraversando e guardare al domani. Durante la seconda delle nostre chiamate collettive abbiamo concentrato la discussione sul lavoro riproduttivo, ossia tutto ciò che concerne il lavoro domestico, il seguire i figli, il lavoro di cura, che vede impegnate principalmente le donne e che – ancora più in questa fase – impone un carico fisico e mentale difficile da sostenere. Uno sbilanciamento ancora troppo spesso raccontato come “normale” dalla retorica patriarcale e che durante l’emergenza sanitaria non ha fatto che aggravarsi, sovrapponendosi in alcuni casi totalmente alla vita professionale delle donne.

A partire dalla chiusura delle scuole che ha costretto tante madri a scegliere se mantenere o meno il proprio lavoro per accudire i figli e seguirli nei compiti a casa, passando per le difficoltà che stanno attraversando molte donne – spesso migranti, frequentemente lavoratrici in nero – impegnate nell’ambito della cura alla persona, è emerso ancora una volta che saranno proprio le donne le prime a pagare le conseguenze di una crisi sanitaria e sociale. Dove c’era violenza domestica, a fronte della necessaria chiusura tra le mura di casa per limitare il contagio, essa non potrà che inasprirsi. Dove c’era diseguaglianza sociale essa non potrà che aumentare. E le misure che il decreto “Cura Italia” ha messo in campo non andranno certo a incidere su una situazione strutturale che di per sé alimenta queste diseguaglianze.

La discussione ci è stata utile per confrontarci e comprendere le problematiche comuni, per mettere in luce le paure e la voglia di non accettare una situazione troppo spesso data per scontata, ma anche per offrire una chiave di lettura femminista e immaginare delle soluzioni per il futuro. Si dice che la malattia possa colpire tutti in modo uguale. Se questo è vero, di certo non è vero che uguali per tutti sono gli strumenti a disposizione per far fronte alla situazione. Ecco perché siamo sempre più convinte che un reddito svincolato dal lavoro per garantire l’indipendenza economica a tutte/i sia la chiave per la fuoriuscita dalla violenza, fisica e strutturale, che ci impone questa società.

Non Una di Meno Alessandria – Casa delle Donne

ULTIME NOTIZIE


 

Tremate, tremate, le streghe son tornate

Tremate, tremate, le streghe son tornate

Ad Halloween, al grido "Più culoni, meno Menloni" il Laboratorio Sociale e la Casa delle Donne di Alessandria vi invitano alla serata più queer, irriverente, favolosa e ribelle della città. Lunedì 31 ottobre, al Laboratorio Sociale in via Piave 63 ad Alessandria,...

Ricominciano le attività al Laboratorio Sociale

Ricominciano le attività al Laboratorio Sociale

Venerdì 14 ottobre riapriranno le porte del Laboratorio Sociale, spazio giunto ormai al suo quattordicesimo anno di attività politica e sociale ad Alessandria.  Dopo aver ospitato l’assemblea pubblica del Comitato Stop Solvay e il festival MIA, organizzato da Non Una...

Giovedì 13 ottobre, proiezione del documentario “Chemical Bros”

Giovedì 13 ottobre, proiezione del documentario “Chemical Bros”

Verso la manifestazione del 15 ottobre il Laboratorio Sociale ospita una serata dedicata al tema della tutela dell'ambiente e della salute delle persone: giovedì 13 ottobre alle 21.00 la proiezione del documentario "Chemical bros". La proiezione sarà accompagnata dal...

Il 15 ottobre Manifestazione Stop Solvay

Il 15 ottobre Manifestazione Stop Solvay

Mesi fa alcune persone hanno deciso di mettersi a disposizione della comunità, di mettere da parte le proprie paure, e partecipare all'inchiesta "Solvay: la pollution invisible". I risultati sono chiari: nel sangue del 55% degli spinettesi il PFOA supera la soglia di...

Pin It on Pinterest