Siamo donne impegnate nei lavori di cura, a stretto contatto con persone positive al Coronavirus o ad alto rischio di contagio. Siamo lavoratrici in smart working, perennemente divise tra e-mail e lavatrici. Siamo mamme single che non possono scegliere tra lavoro e famiglia.

Siamo donne ai tempi del Covid-19, preoccupate per la nostra salute e quella dei nostri cari, angosciate dal futuro che ci vedrà vivere nel bel mezzo di una devastante crisi economica che ci colpirà duramente, interrompendo le nostre carriere, allontanandoci dai percorsi di fuoriuscita dalla violenza domestica, privandoci della possibilità di scegliere come e dove vogliamo stare, fondamentale per considerarci libere in una società libera dal patriarcato.
Siamo donne e, in quanto tali, abbiamo confidenza con la paura. Abbiamo provato questo sentimento tante volte, tornando a casa da sole di notte, costrette in una relazione violenta, oppresse dai rapporti di forza che regolano i luoghi di lavoro e quelli di studio. Abbiamo capito che l’unico modo per gestire quella paura è provare a sconfiggerla insieme, strette l’una all’altra e a tutte le persone e le soggettività schiacciate dal sistema machista e capitalista.
Anche questa volta, abbiamo l’esigenza di guardare a quel futuro incerto e, a tratti, spaventoso attraverso uno sguardo collettivo per trovare conforto, ma soprattutto per cominciare a chiederci con quali strumenti e quali rivendicazioni vogliamo affacciarci al mondo post epidemia.
Non ci faremo interrompere, come suggeriva Marielle Franco, attivista brasiliana per i diritti delle donne afrodiscendenti e delle persone LGBTQI. Non ci faremo interrompere nè dalla paura nè dall’isolamento, in questo momento, necessario. Se la distanza fisica è ora un gesto di cura verso noi stesse e gli altri e le altre, il confronto e il dialogo sono linfa vitale per proseguire le nostre lotte e tornare a occupare i nostri spazi, con la parola ancora prima che con il corpo.
Incontriamoci virtualmente per non essere sole, nè oggi nè domani.

PER ACCEDERE ALLA CALL CLICCA SU QUESTO LINK
CHE SARA’ ATTIVO A PARTIRE DALLE 16
DI SABATO 11 APRILE
https://zoom.us/j/712735884

SE NON HAI MAI USATO ZOOM E VUOI PARTECIPARE CONTATTACI PRIVATAMENTE E TI INVIEREMO UN TUTORIAL CON CUI POTRAI AIUTARTI.

Non Una di Meno Alessandria – Casa delle Donne

ULTIME NOTIZIE


 

Tremate, tremate, le streghe son tornate

Tremate, tremate, le streghe son tornate

Ad Halloween, al grido "Più culoni, meno Menloni" il Laboratorio Sociale e la Casa delle Donne di Alessandria vi invitano alla serata più queer, irriverente, favolosa e ribelle della città. Lunedì 31 ottobre, al Laboratorio Sociale in via Piave 63 ad Alessandria,...

Ricominciano le attività al Laboratorio Sociale

Ricominciano le attività al Laboratorio Sociale

Venerdì 14 ottobre riapriranno le porte del Laboratorio Sociale, spazio giunto ormai al suo quattordicesimo anno di attività politica e sociale ad Alessandria.  Dopo aver ospitato l’assemblea pubblica del Comitato Stop Solvay e il festival MIA, organizzato da Non Una...

Giovedì 13 ottobre, proiezione del documentario “Chemical Bros”

Giovedì 13 ottobre, proiezione del documentario “Chemical Bros”

Verso la manifestazione del 15 ottobre il Laboratorio Sociale ospita una serata dedicata al tema della tutela dell'ambiente e della salute delle persone: giovedì 13 ottobre alle 21.00 la proiezione del documentario "Chemical bros". La proiezione sarà accompagnata dal...

Il 15 ottobre Manifestazione Stop Solvay

Il 15 ottobre Manifestazione Stop Solvay

Mesi fa alcune persone hanno deciso di mettersi a disposizione della comunità, di mettere da parte le proprie paure, e partecipare all'inchiesta "Solvay: la pollution invisible". I risultati sono chiari: nel sangue del 55% degli spinettesi il PFOA supera la soglia di...

Pin It on Pinterest