Due elementi su cui da sempre il femminismo basa le sue pratiche sono la politicizzazione del corpo e quella del proprio privato, ovvero il “partire da sé” come strumento di pratica politica. Oggi i nostri corpi sono vulnerabili, forzatamente reclusi e la solitudine fisica è paradossalmente la prima pratica per potersi prendere cura dell’altra/o, limitando le possibilità di contagi.

In questo momento in cui i corpi sono lontani, le relazioni sembrano essere così difficili e la dimensione domestica ha preso il sopravvento nelle nostre vite, abbiamo deciso di sperimentare una nuova forma di confronto e condivisione, usando la tecnologia per poter mettere in rete le nostre esperienze in una piazza virtuale. Ieri durante la prima video chiamata collettiva #nonseisola abbiamo deciso di concentrarci sulla dimensione del lavoro produttivo ma è stato chiaro fin dal primo intervento quanto lavoro produttivo e riproduttivo non possano essere scissi.

Lo raccontano le storie di lavoratrici autonome con figli che con lo smart working sono costrette a barcamenarsi tra lavoro e famiglia, spesso subendo anche rimproveri e ricatti da parte dei datori di lavoro; oppure le lavoratrici dipendenti sole e con figli che sono state costrette a rinunciare al lavoro e tuttavia non detengono ancora i requisiti necessari per accedere al reddito di cittadinanza. O ancora le lavoratrici dello spettacolo, che insieme ai loro colleghi hanno lanciato una campagna social e una battaglia politica per ottenere un reddito di quarantena che consenta loro di vivere dignitosamente in questo momento in cui la produzione culturale è sospesa.

Ed è proprio la necessità di ri-immaginare l’idea di reddito ad essere stato uno dei focus della discussione: un’estensione più inclusiva e universale per raggiungere tutte e tutti coloro che sono escluse ed esclusi dagli ammortizzatori sociali. Con urgenza è emersa la necessità di mettere in campo una politica economica che sappia fornire risposte e sostegni concreti che non si esauriscano nel periodo della “quarantena” o “dell’emergenza”, ma divengano strutturali, come fondamento di un nuovo Welfare finalmente inclusivo e garantistico, svincolato dal lavoro e capace di dare a tutte e a tutti dignità.

Il tema del reddito è da sempre caro a chi, come Non una di Meno, combatte ogni giorno contro la violenza di genere: un’entrata economica indipendente dal lavoro sarebbe per molte donne vittime di violenza domestica o di ricatti e molestie sul lavoro il più efficace strumento di autodeterminazione.

Quel che infine è emerso da questo primo esperimento di confronto a distanza è stata una gran voglia di non trovarci sole/i, di opporci a un mondo del lavoro parcellizzato, a una struttura economica che vorrebbe farci credere che essere un’insegnante di ruolo con determinate tutele sia un privilegio – con tutte le difficoltà e le storture che in realtà si celano dietro al decisamente sotto finanziato sistema scolastico pubblico – piuttosto che lavorare per rendere quel “privilegio” un diritto per tutte/i e non un’eccezione.

Continueremo a parlare di lavoro e continueremo a farlo in questa modalità collettiva, perché ragionare insieme è l’unico modo per provare ad analizzare la complessità del presente e delle nostre vite; se c’è una cosa che ancora di più in momenti di rottura è evidente, è che nessuna/o deve essere lasciata/o indietro e che da questa crisi sociale e sistemica ne usciremo solo se riusciremo a prenderci cura delle proprie vulnerabilità e di quelle delle/gli altre/i e a lottare insieme.

Qui sotto il video della call telematica di sabato 21/03/20:

Non Una di Meno Alessandria – Casa delle Donne

ULTIME NOTIZIE


 

Venerdì 23 ottobre, lo spettacolo “Blasé”

Venerdì 23 ottobre, lo spettacolo “Blasé”

Venerdì 23 ottobre, sul palco del Laboratorio Sociale, va in scena "Blasé", spettacolo di Luca Zilovich, con Michele Puleio, prodotto da Officine Gorilla e Teatro della Juta. Blasé è la tendenza della società a far apparire ogni cosa di un colore uniforme, di un gusto...