A più di 40 anni dalla #legge194 in Italia il diritto all’aborto e all’autodeterminazione delle donne è ancora a rischio e, in alcuni casi, negato.

I numeri parlano chiaro: la media nazionale di medici obiettori ha ormai superato il 70% e il 40% degli ospedali non ha un servizio per l’IVG.
L’obiezione di coscienza viene praticata illegittimamente anche nelle farmacie: farmacisti si rifiutano di vendere contraccettivi di emergenza (le cosiddette pillole “del giorno dopo” e “dei cinque giorni dopo”) in nome dell’etica personale e supportati dalla farmacopea ufficiale (il testo che indica quali farmaci è obbligatorio tenere in farmacia) che non obbliga le farmacie ad avere a disposizione contraccettivi d’emergenza purché si abbiano contraccettivi comuni.
In provincia solo 1 anno e mezzo fa combattevamo contro la mozione “Locci-Trifoglio” che si proponeva di dichiarare Alessandria “città per la vita” sostenendo le associazioni pro-life e antiabortiste.

A poco meno di un mese dall’8 marzo, venerdì 14 febbraio alle 21.00, con Eleonora di Obiezione Respinta, parleremo di obiezione di coscienza negli ospedali e nelle farmacie e di diritto all’IVG… ma anche di accesso all’aborto farmacologico, prevenzione, educazione sessuale nelle scuole, gratuità dei metodi contraccettivi e ampliamento della rete dei consultori, intesi come spazi aperti e di confronto: queste sono per noi le basi per la tutela del diritto alla salute delle donne.

Lo faremo a partire dalle domande che ci siamo poste e sulle quali vogliamo interrogare le donne del nostro territorio. Nell’ambito della serata presenteremo, infatti, il questionario che abbiamo predisposto per capire come i consultori vengono percepiti e frequentati.

Crediamo sia necessario mettere in comune le nostre esperienze per immaginare dei servizi alla portata di tutte e tutti, gratuiti, che mettano al centro la persona e i suoi desideri, rifiutando l’atteggiamento paternalistico e stigmatizzante che ci ritroviamo ad affrontare ogni giorno in molti ospedali, farmacie, consultori.

Vi aspettiamo alla Casa delle Donne, in piazzetta Monserrato 1, ad Alessandria.

L’obiezione di coscienza è violenza di genere!

#alessandriacittàperlavita
#lottomarzolottosempre

Obiezione Respinta è una piattaforma autogestita nata – a partire dal percorso nazionale Non Una di Meno – con lo scopo di segnalare e mappare i luoghi dove l’obiezione di coscienza viene esercitata e dove, invece, poter trovare supporto, in modo tale da fornire un aiuto concreto alle donne che vogliono decidere sul proprio corpo. Alessandria non è stata ancora mappata, è ora di incominciare!

Non Una di meno – Casa delle Donne Alessandria

ULTIME NOTIZIE


 

Ecco perchè un sindacato alla Casa delle Donne

Ecco perchè un sindacato alla Casa delle Donne

A partire dal 2016 l’esperienza di Non una di Meno ha riportato all’attenzione del dibattito pubblico il tema delle discriminazioni e delle violenze di genere. Al grido di “Ni una menos, vivan nos queremos” le femministe di tutto il mondo hanno riaperto uno spazio di...

Le strade sicure le fanno le donne che le attraversano!

Le strade sicure le fanno le donne che le attraversano!

C'è chi ancora pensa che la sicurezza debba essere garantita con telecamere, apertura del centro alle macchine "perché le donne non sono tranquille a tornare a casa" (citazione del nostro vice sindaco detta non meno di 6 mesi fa, quando strumentalizzò noi donne per...

26 giugno, aperitivo e proiezione del film “Pride”

26 giugno, aperitivo e proiezione del film “Pride”

Nella giornata di mobilitazione nazionale di #nonunadimeno la Casa delle Donne sarà aperta, a partire dalle ore 18.00, nel rispetto delle misure di prevenzione del contagio da covid-19, tutelando le donne, gli uomini e le/i bambine/i che saranno presenti. Il grande...

La lettera di Viola su Solvay: pretendiamo e lottiamo!

La lettera di Viola su Solvay: pretendiamo e lottiamo!

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Viola: La mia famiglia abita a Spinetta da almeno 5 generazioni e il polo chimico, ora di proprietà di Solvay, ha fatto da cornice alla mia infanzia. Di queste 5 generazioni, con certezza due si sono ammalate di diversi tumori....