Venerdì 20 dicembre torna sul palco della saletta Saverio Raimondo con lo show – di cui è autore ed interprete – “Free jazz”.

Un’ora di comicità libera e imprevedibile, che lo stesso Saverio Raimondo ha ribattezzato “free jazz” per la sua componente selvaggia e senza rete. Una serata dove Raimondo improvvisa, esplora e testa per la prima volta nuove idee comiche; e il pubblico è coinvolto nella triplice veste di Musa, co-autore e cavia. Uno show, durante il quale, il “satiro parlante” di Netflix, sale sul palco e… parla! Lo fa a ruota libera, seguendo il flusso dei suoi pensieri, le ispirazioni del momento, l’energia che gli arriva dal pubblico.

Saverio Raimondo, “un satiro contemporaneo, metà uomo… e basta, solo metà”, mostra al pubblico il suo lato più intimo: attraverso le sue ansie – costantemente al centro della scena – esprime il suo punto di vista politicamente scorretto sia sugli aspetti più banali della vita quotidiana che sulle sue debolezze e contraddizioni più profonde.

La scaletta è spesso decisa di volta in volta, prima di salire sul palco, lasciando anche la porta aperta ad eventuali modifiche a spettacolo in corso: tra le quasi 10 ore di repertorio fra cui scegliere i brani che compongono la sua ora di show e le piccole improvvisazioni o variazioni, Saverio Raimondo afferma “posso ormai concedermi sul palco la stessa libertà di un musicista jazz con il suo strumento”.

Il volto di punta di Comedy Central Italia (canale 124 di Sky), che con la quinta stagione del suo premiato late night show CCN – Comedy Central News tornerà in onda da aprile, offrirà al suo pubblico un cocktail di satira feroce, humour surreale, paradossi e oscenità, il tutto servito nel tipico stile “americano” della stand up comedy, la new wave della comicità italiana che negli ultimi anni ha visto un vivace proliferare di una vera e propria scena indipendente.

Saverio Raimondo, è attualmente nel cast di Caterpillar, il programma di Rai Radio2, ne Le Parole della Settimana, di Massimo Gramellini e in libreria con STIAMO CALMI, Come ho imperato a non preoccuparmi e ad amare l’ansia, edito Feltrinelli.

Apertura porte ore 19,30
– con aperitivo a buffet (con vino biologico)

Inizio spettacolo ore 21,00

Ingresso 5€
No prevendite, no prenotazioni. Biglietti acquistabili il giorno stesso a partire dalle 19,30 presso il Laboratorio Sociale.

 

ULTIME NOTIZIE


 

Sabato 16 ottobre, Tavo e gli Overture in concerto

Sabato 16 ottobre, Tavo e gli Overture in concerto

Il Laboratorio Sociale, in collaborazione con l’etichetta indipendente alessandrina Noize Hills Records, presenta "Tavo & Overture live". Francesco Taverna, in arte TAVO, è un cantautore alessandrino classe '93 che figura tra gli artisti emergenti del panorama...

Call for artists – MIA 2021 – Un altro genere di arte

Call for artists – MIA 2021 – Un altro genere di arte

La Casa delle Donne di Alessandria apre un Call dedicata a tuttə lə artistə che vogliono contribuire a dare vita e voce ai muri del nostro cortile interno durante le due giornate del festival “MIA” che si terrà il 17 e 18 settembre. Crediamo che lo spazio che...

Mia 2021 – Un altro genere di arte

Mia 2021 – Un altro genere di arte

Venerdì 17 e Sabato 18 settembre 2021 la Casa delle Donne apre le porte alla città con la IV edizione di “MIA: Un altro genere di arte”, il festival che ogni anno parla alla città attraverso l’arte: antisessismo, lotta alla violenza di genere, salute, diritti e...

“In provincia l’IVG non è un diritto”

“In provincia l’IVG non è un diritto”

La libertà di decidere sul proprio corpo non è ancora un diritto acquisito e garantito per chi vive nel territorio della provincia di Alessandria. A dimostrarlo, i dati emersi dall’indagine sul diritto all’IVG - coordinata da Non Una di Meno Torino -, e i nuovi...

A proposito di trasparenza e democrazia…

A proposito di trasparenza e democrazia…

Durante il Consiglio Comunale aperto di martedì 15 giugno, dedicato all’attività di Solvay sul territorio della provincia, si è reso evidente quanto ci ha portato a declinare l’invito: l’incontro pubblico altro non è stato che una passerella per Solvay e per le sue...