Dando seguito a quanto proposto nell’Assemblea di Milano del 23 settembre scorso, raccogliamo l’appello del Progetto Melting Pot Europa a tutte le realtà sociali che stanno ragionando e costruendo risposte collettive alla deriva razzista e fascista.

Domenica 14 settembre parteciperemo all’assemblea nazionale a Roma – ore 10.30 alla locanda Atlantide in Via dei Lucani n. 22 – per costruire una grande giornata di mobilitazione aperta, plurale e meticcia, e il suo percorso di avvicinamento.

 

Di seguito l’appello dei Melpting Pot Europa

Il ministro degli interni Matteo Salvini sta operando un attacco senza precedenti ai diritti, a partire dalle politiche razziste e di esclusione sociale che mettono persone migranti, senza-casa, organizzazioni solidali, esperienze di accoglienza e inclusione innovative come Riace, al centro del mirino.

Finalmente abbiamo potuto leggere il testo del Decreto su immigrazione & sicurezza, in seguito al suo invio per la firma di Mattarella. Il borbottìo delle forze parlamentari “di opposizione” è stato soverchiato e spazzato via dalla macchina propagandistica del Salvini ministro e capopopolo.

Difronte alla gravità di quanto sta accadendo e della portata dell’aggressione messa in campo contro diritti e libertà fondamentali, è urgente e necessario promuovere una piazza che manifesti in ogni forma possibile il rifiuto e l’opposizione più radicale contro il decreto legge Salvini e le politiche governative di cui è il prodotto.

Sentiamo davvero forte il bisogno di squarciare e rovesciare la narrazione secondo la quale il Governo non ha opposizione ma solo gradimento e consenso.

Sentiamo davvero forte il bisogno di dare continuità, nelle forme e nei metodi, alle mobilitazioni di questa estate come Ventimiglia e Catania, riprendendo quello spirito e quel metodo di intersezione tra istanze e soggettività che ha generato il corteo di Macerata a febbraio.

Sappiamo che possiamo avere capacità di essere protagonisti e protagoniste delle nostre determinazioni e istanze politiche, e non solo di non cedere di un centimetro all’arroganza del potente di turno: sentiamo che è giunto il momento di farci forza e ritornare all’attacco.

Noi vogliamo scegliere di non avere paura nella convinzione che ogni battaglia combattuta è comunque una battaglia vinta contro il silenzio, la rassegnazione, l’arroganza di Salvini e dei suoi soci di governo.

Sappiamo di essere tante e tanti, diverse, molteplici nelle forme, nelle lotte sociali e nelle azioni quotidiane, sparsi per tutta Italia, ma troppo spesso indeboliti dalla mancanza di connessioni, della possibilità di darci voce comune. Superiamo i nostri confini, i nostri perimetri!

Crediamo che lo spazio di discussione del 14 ottobre sia luogo dove ogni realtà possa arricchire la discussione anche con proposte e suggestioni, per creare un fronte plurale capace di coinvolgere ed essere capillare, per ottenere quell’eccedenza rispetto alle reti organizzate che da lungo tempo non si manifesta.

Dando seguito a quanto proposto nell’Assemblea di Milano del 23 settembre, invitiamo tutte le realtà sociali che stanno ragionando e costruendo risposte collettive alla deriva razzista e fascista, a immaginare assieme come costruire una grande giornata di mobilitazione aperta, plurale e meticcia, e il suo percorso di avvicinamento.

L’assemblea, per intersecare il percorso dei promotori dell’”Appello uniamoci contro il razzismo per una mobilitazione nazionale antirazzista”, si terrà a Roma alle ore 10.30 presso la locanda Atlantide in Via dei Lucani, 22.

ULTIME NOTIZIE


 

Ecco perchè un sindacato alla Casa delle Donne

Ecco perchè un sindacato alla Casa delle Donne

A partire dal 2016 l’esperienza di Non una di Meno ha riportato all’attenzione del dibattito pubblico il tema delle discriminazioni e delle violenze di genere. Al grido di “Ni una menos, vivan nos queremos” le femministe di tutto il mondo hanno riaperto uno spazio di...

Le strade sicure le fanno le donne che le attraversano!

Le strade sicure le fanno le donne che le attraversano!

C'è chi ancora pensa che la sicurezza debba essere garantita con telecamere, apertura del centro alle macchine "perché le donne non sono tranquille a tornare a casa" (citazione del nostro vice sindaco detta non meno di 6 mesi fa, quando strumentalizzò noi donne per...

26 giugno, aperitivo e proiezione del film “Pride”

26 giugno, aperitivo e proiezione del film “Pride”

Nella giornata di mobilitazione nazionale di #nonunadimeno la Casa delle Donne sarà aperta, a partire dalle ore 18.00, nel rispetto delle misure di prevenzione del contagio da covid-19, tutelando le donne, gli uomini e le/i bambine/i che saranno presenti. Il grande...