Si è svolto questa sera il consiglio comunale per approvare il regolamento della videosorveglianza riguardante il funzionamento e le modalità di accesso alla control room che dovrebbe gestire cento telecamere installate per la città. Un enorme investimento che fa di Alessandria la grande sorella d’Italia, come ribattezzata in un ampio servizio che il tg1 ha fatto sull’argomento. Cento telecamere utili esclusivamente a incrementare la produzione di paura in una città considerata “sicura” dalle stesse istituzioni e utili a incrementare il controllo sociale sulla vita delle donne e degli uomini che vivono quotidianamente la città. A movimentare il consiglio comunale si sono presentati gli attivisti del centro sociale crocevia, armati a loro volta di telecamere nonostante un’ordinanza del Sindaco impedisca di filmare i lavori del consiglio. Come volevasi dimostrare i solerti politici decisi a spiare la vita di 100.000 cittadini si sono violentemente schierati contro chi stava filmando il loro reality “l’isola dei pagliacci”. Gli attivisti hanno anche esposto dal loggione un grande striscione con scritto no controllo. Dopo la sospensione del consiglio comunale, solo a tarda notte il regolamento è stato approvato con il voto bipartisan di Pdl e Pd e un solo voto contrario. Le chicche della serata sono state le numerose provocazioni del presidente del consiglio comunale leghista Grassano e un consigliere comunale di maggioranza che ha ripetutamente fatto il dito medio all’indirizzo degli attivisti come si può vedere dal filmato.
Chi pensa che la partita si chiuda questa sera si sbaglia di grosso.

 

ULTIME NOTIZIE


 

Alessandria – 500 studenti in assemblea nelle università

Alessandria – 500 studenti in assemblea nelle università

E' stata una giornata caldissima all'interno delle università della città di Alessandria. A MFN (matematica, fisica, scienze naturali) vi è stato il blocco della dittatica per due ore nelle quali si è svolta una grande assemblea a cui hanno partecipato 300 fra...

Alessandria – E’ iniziata la mobilitazione universitaria

Alessandria – E’ iniziata la mobilitazione universitaria

Ieri pomeriggio nell'atrio di Palazzo Borsalino un centinaio di persone tra studenti, ricercatori e docenti ha preso parte all'assemblea pubblica organizzata da Uniriot Alessandria con la partecipazione di Marco Revelli e Giorgio Barberis, rispettivamente docente e...

Alessandria – Centinaia di studenti contro la riforma Gelmini

Alessandria – Centinaia di studenti contro la riforma Gelmini

Questa mattina si è snodato per la città un nuovo corteo di centinaia di studenti contro la riforma Gelmini. Lo striscione di apertura titolava "No alla riforma Gelmini, vogliamo una scuola di tutti/e per tutti/e!", un messaggio chiaro, riferito soprattutto all'ultima...

Alessandria – Oltre 200 persone impongono la resa della Provincia

Alessandria – Oltre 200 persone impongono la resa della Provincia

E' andata oltre le più rosee aspettative la prima assemblea pubblica convocata dalle associazioni e dai movimenti che hanno liberato la ex caserma dei vigili del fuoco. Non si ricordava a memoria una assemblea così partecipata, dove decine di cittadini hanno preso la...

Assemblea pubblica con don Andrea Gallo

Assemblea pubblica con don Andrea Gallo

Venerdì 17 Ottobre alle ore 21, presso la ex caserma dei pompieri in via Piave ad Alessandria, si terrà un’assemblea pubblica aperta a tutte le donne e gli uomini di Alessandria interessati a ragionare sull’utilizzo di questo grande spazio. Sono ormai passati dieci...

Alessandria – Ex Caserma occupata. La Provincia pronta a collaborare

Alessandria – Ex Caserma occupata. La Provincia pronta a collaborare

Una collaborazione potrebbe nascere tra la Provincia, proprietaria dell'ex caserma dei vigili del fuoco di via Piave, e il gruppo che da Sabato la sta occupando (Comunità S.Benedetto al Porto, Csa Crocevia, Subbuglio, Movimento studentesco, Rete sociale per la casa,...