Ci giunge notizia e leggiamo, a conferma, sulla stampa di oggi, del blocco sull’A21 di un veicolo dov’erano stipati 34 kurdi in fuga dall’inferno iracheno, portati in Questura per essere interrogati, identificati e successivamente espulsi.
Verso dove non si sa!
Tra loro, vi erano anche due minorenni che, presumibilmente, si trovano in qualche centro di accoglienza. Anche qui nulla è dato sapere con certezza!
Da “La Stampa”, apprendiamo che è intervenuta la Protezione civile e la Croce Rossa che li ha rifocillati.

Detto questo, si impongono alcune valutazioni politiche in merito alla vicenda, che sono d’obbligo:

1) non è stata interessata, ne’ coinvolta la nostra associazione onlus “Verso il Kurdistan”, una realtà esistente da anni in Provincia, che si è sempre occupata di queste vicende legate a protezione umanitaria e assistenza ai profughi e ai rifugiati, perché di questo si tratta: i kurdi che, come in questo caso, scappano dalla guerra, dagli attentati e dalla miseria in un paese che galleggia letteralmente sul petrolio, non sono clandestini, ma persone, esseri umani che, in base alle leggi e a tutte le convenzioni internazionali, hanno diritto all’asilo politico nel Paese dell’area Schengen di primo “approdo” (ovviamente, in senso figurato);

2) la seconda questione si riallaccia alla prima e riguarda appunto la mancata richiesta di asilo politico a cui i kurdi avevano diritto e che noi avremmo sicuramente suggerito loro di fare.

Cosi’ insieme al danno anche la beffa: in base alle nuove disposizioni del decreto legge del Governo, entrate in vigore il 5 novembre del corrente anno, avendo i kurdi ricevuto un decreto di espulsione e qualora volessero presentare domanda di asilo politico, verrebbero sicuramente internati per un periodo di tempo variabile ed indeterminato in un CPT, privandoli cosi’ di diritti fondamentali: in fuga dalla guerra di Kirkuk e Mosul, nel Kurdistan iracheno, fino ad una specie di galera dell’ “accogliente” Europa!
Alla faccia della protezione umanitaria e di quant’ altro…

Per l’associazione onlus Verso il Kurdistan
Antonio Olivieri

 

ULTIME NOTIZIE


 

Inizia la lotta al magazzino Maxi Dì di Spinetta Marengo

Inizia la lotta al magazzino Maxi Dì di Spinetta Marengo

Sabato si è svolta presso il Laboratorio Sociale l'assemblea dei lavoratori e delle lavoratrici di ADL Cobas Alessandria del magazzino Maxi Dì di Spinetta Marengo. Sono state scelte le Rappresentanze Sindacali Aziendali ed è stata approvata la piattaforma di lotta. La...

Sabato 26 settembre “Cara Professoressa” al Laboratorio Sociale

Sabato 26 settembre “Cara Professoressa” al Laboratorio Sociale

Già nostro ospite per "Nazieuropa", sabato 26 settembre torna sul palco del Laboratorio Sociale Beppe Casales. Questa volta l'attore e autore porta in scena "Cara professoressa", spettacolo sulla scuola pubblica. Uno spettacolo nato dall'esperienza personale...

Venerdì 25 settembre iniziativa e assemblea di Fridays For Future

Venerdì 25 settembre iniziativa e assemblea di Fridays For Future

Abbiamo passato i mesi del lockdown ad ascoltare il mondo intero parlare di quanto i livelli di inquinamento e le svariate problematiche legate all'emergenza climatica stessero subendo un miglioramento, grazie all'assenza dell'uomo. Abbiamo iniziato a renderci conto...