Apprendiamo dal Piccolo di oggi che Montecastello non è più un unicum.
Più volte, come Comitato, abbiamo espresso la necessità di investigare tempestivamente la situazione dei pozzi pubblici (e privati) del nostro territorio. Pare non avessimo torto: altri 9 comuni sono avvelenati da queste sostanze e migliaia di persone sono coinvolte.

Di fronte a questa situazione disastrosa, la prima cosa da ricordare ad istituzioni ed enti è che il Ministro Costa, non molto tempo fa, si è espresso chiaramente: queste sostanze non devono trovarsi nelle nostre acque ed il limite da prendere in considerazione è lo ZERO LABORATORIALE. Ovvero, gli strumenti non devono essere in grado di rilevare i PFAs nemmeno in tracce.
Non vorremmo che questo venga dimenticato.

Come l’articolo ricorda, se le linee guida più aggiornate (quelle emesse dall’UE nel 2019 e non quelle del 2015) venissero prese a riferimento nessuno oggi minimizzerebbe le concentrazioni di PFAs ritrovate in questi 9 acquedotti. Linee guida che propongono come limite lo 0,05 mg/L.
Minimizzare è, invece, quello che ha fatto in questi mesi Solvay e che continua a fare, nascondendosi dietro a interventi fittizi che dubitiamo avranno un vero impatto sullo sversamento che questa azienda continua a perpetrare nelle nostre acque. Minimizza le concentrazioni riscontrate, minimizza il fatto più che lampante di essere l’unica azienda produttrice ed utilizzatrice di cC6O4, minimizza la tossicità sull’uomo di questa sostanza.

Quanti comuni dovranno essere avvelenati prima che si sospenda la produzione di PFAs per gli accertamenti del caso? Quanti eventi atmosferici straordinari dovranno ancora susseguirsi dimostrando che la barriera utilizzata da Solvay non trattiene questi veleni?

La nostra salute è l’unico vero unicum che abbiamo e la sua salvaguardia è azione fondamentale delle istituzioni pubbliche.

Il Comitato non si arrende, continueremo a chiedere che le nostre richieste vengano messe in atto. Continueremo a chiedere che la salute e la tutela delle nostre case e del nostro territorio sia il primo obiettivo di istituzioni ed enti.

La Solvay Inquina, il silenzio uccide!

Comitato Stop Solvay

ULTIME NOTIZIE


 

Ecco perchè un sindacato alla Casa delle Donne

Ecco perchè un sindacato alla Casa delle Donne

A partire dal 2016 l’esperienza di Non una di Meno ha riportato all’attenzione del dibattito pubblico il tema delle discriminazioni e delle violenze di genere. Al grido di “Ni una menos, vivan nos queremos” le femministe di tutto il mondo hanno riaperto uno spazio di...

Le strade sicure le fanno le donne che le attraversano!

Le strade sicure le fanno le donne che le attraversano!

C'è chi ancora pensa che la sicurezza debba essere garantita con telecamere, apertura del centro alle macchine "perché le donne non sono tranquille a tornare a casa" (citazione del nostro vice sindaco detta non meno di 6 mesi fa, quando strumentalizzò noi donne per...

26 giugno, aperitivo e proiezione del film “Pride”

26 giugno, aperitivo e proiezione del film “Pride”

Nella giornata di mobilitazione nazionale di #nonunadimeno la Casa delle Donne sarà aperta, a partire dalle ore 18.00, nel rispetto delle misure di prevenzione del contagio da covid-19, tutelando le donne, gli uomini e le/i bambine/i che saranno presenti. Il grande...

La lettera di Viola su Solvay: pretendiamo e lottiamo!

La lettera di Viola su Solvay: pretendiamo e lottiamo!

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Viola: La mia famiglia abita a Spinetta da almeno 5 generazioni e il polo chimico, ora di proprietà di Solvay, ha fatto da cornice alla mia infanzia. Di queste 5 generazioni, con certezza due si sono ammalate di diversi tumori....

Conferenza dei servizi Solvay: la Provincia ha scelto di non decidere

Conferenza dei servizi Solvay: la Provincia ha scelto di non decidere

Questa mattina, nell'ambito della Conferenza dei Servizi convocata per approvare l'ampliamento della produzione di cC6O4 nell'impianto Solvay di Spinetta Marengo, la Provincia ha scelto di NON DECIDERE e di rinviare la conferenza dei servizi a fine agosto. Ha scelto...

Reddito, diritti, dignità: nasce ADL Cobas ad Alessandria

Reddito, diritti, dignità: nasce ADL Cobas ad Alessandria

Il tratto distintivo della vita di milioni di lavoratrici e lavoratori è quello della precarietà. Stipendi troppo bassi con cui è difficile costruire una vita dignitosa, messa in discussione o totale assenza di diritti fondamentali come maternità, malattia e ferie,...