“Ci vogliono così: imbavagliati e silenziosi, ma non ci avranno mai come ci vogliono loro”. E’ iniziata con queste parole la conferenza stampa della Rete Sociale per la Casa, davanti all’ingresso del Comune di Alessandria, a cui hanno partecipato una quarantina di donne, uomini, anziani e bambini tutti imbavagliati. Oggi, doveva iniziare la tendopoli delle famiglie sotto sfratto nella piazza centrale della città, proprio sotto alle finestre del Sindaco nonchè assessore alla casa Pier Carlo Fabbio per protestare contro gli sfratti e gli imminenti sgomberi delle case occupate. L’iniziativa è stata però vietata dal Questore di Alessandria in seguito a una nota del Comune che non ha concesso il nulla osta all’occupazione di luogo pubblico per problemi di viabilità. Un pretesto ingiustificabile per impedire che il problema degli sfratti venisse portato nel cuore della città.” Il problema vero è tutto politico, vogliono continuare a cercare di nascondere che centinaia di famiglie rischiano di essere buttate in mezzo alla strada” hanno tuonato gli attivisti. Al tempo stesso hanno promesso che nei prossimi giorni daranno vita ad azioni ecclatanti, perchè il Sindaco deve smettere di comportarsi come la scimmietta che non vede, non sente e non parla. “Per noi il problema degli sfratti e degli sgomberi delle case occupate è tutto politico, ma se arriverà il giorno in cui gli ufficiali giudiziari e la polizia cercheranno di sfrattare le famiglie, resisteremo con gli strumenti della disobbedienza civile. E non vengano a dirci che siamo violenti, violento è chi vuole sfrattare famiglie senza offrire nessuna soluziona alternativa se non la strada”. La conferenza stampa è stata anche l’occasione per informare che sono arrivate denunce a famiglie e attivisti della Rete per la casa per le prime occupazioni abitative organizzate. “Siamo orgogliosi di essere stati denunciati per aver lottato per i nostri diritti, non sarà certo questo che ci fermerà. Perdere le nostre case è perdere la dignità e questo non lo permetteremo mai”.

ULTIME NOTIZIE


 

Ecco perchè un sindacato alla Casa delle Donne

Ecco perchè un sindacato alla Casa delle Donne

A partire dal 2016 l’esperienza di Non una di Meno ha riportato all’attenzione del dibattito pubblico il tema delle discriminazioni e delle violenze di genere. Al grido di “Ni una menos, vivan nos queremos” le femministe di tutto il mondo hanno riaperto uno spazio di...

Le strade sicure le fanno le donne che le attraversano!

Le strade sicure le fanno le donne che le attraversano!

C'è chi ancora pensa che la sicurezza debba essere garantita con telecamere, apertura del centro alle macchine "perché le donne non sono tranquille a tornare a casa" (citazione del nostro vice sindaco detta non meno di 6 mesi fa, quando strumentalizzò noi donne per...

26 giugno, aperitivo e proiezione del film “Pride”

26 giugno, aperitivo e proiezione del film “Pride”

Nella giornata di mobilitazione nazionale di #nonunadimeno la Casa delle Donne sarà aperta, a partire dalle ore 18.00, nel rispetto delle misure di prevenzione del contagio da covid-19, tutelando le donne, gli uomini e le/i bambine/i che saranno presenti. Il grande...

La lettera di Viola su Solvay: pretendiamo e lottiamo!

La lettera di Viola su Solvay: pretendiamo e lottiamo!

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Viola: La mia famiglia abita a Spinetta da almeno 5 generazioni e il polo chimico, ora di proprietà di Solvay, ha fatto da cornice alla mia infanzia. Di queste 5 generazioni, con certezza due si sono ammalate di diversi tumori....

Conferenza dei servizi Solvay: la Provincia ha scelto di non decidere

Conferenza dei servizi Solvay: la Provincia ha scelto di non decidere

Questa mattina, nell'ambito della Conferenza dei Servizi convocata per approvare l'ampliamento della produzione di cC6O4 nell'impianto Solvay di Spinetta Marengo, la Provincia ha scelto di NON DECIDERE e di rinviare la conferenza dei servizi a fine agosto. Ha scelto...