Lunedì 14 maggio terzo appuntamento del mese per il Movimento Per la Casa. Anche in questa occasione le attiviste e gli attivisti sono riusciti a bloccare due sfratti e ad ottenere due lunghi rinvii.
Sia Cristina, Adrian e il loro figlio piccolo che Saad con la sua famiglia hanno guadagnato altri cinque mesi di tempo e possono passare l’estate con la sicurezza di poter vivere con un tetto sopra la testa.
Dopo numerose richieste di alloggi di emergenza cadute nel vuoto e dopo aver inutilmente cercato di essere ascoltate ed aiutate dagli enti preposti, entrambe le famiglie si sono trovate costrette a dover occupare uno degli innumerevoli alloggi popolari, lasciati colpevolmente in stato di abbandono.
I funzionari ATC e gli ufficiali giudiziari possono minacciare le famiglie tutte le volte che desiderano, possono commentare in maniera superficiale e menefreghista le varie situazioni difficoltose, possono dire che questi alloggi andrebbero assegnati ad altri ma la verità è che finchè ci sono persone senza casa e case vuote vuol dire che la gestione del problema abitativo è fallimentare e loro, insieme all’amministrazione comunale, ne sono i primi responsabili.
Non ci stancheremo mai di sentire le vostre battutine.
Non ci stancheremo mai di ascoltare le vostre minacce.
Non ci stancheremo mai di difendere le famiglie in difficoltà.
Non ci stancheremo mai di organizzare picchetti antisfratto.

CASA PER TUTTI SFRATTI PER NESSUNO!
Movimento Per la Casa