Il gelo stringe la morsa, le feste si avvicinano ma la macchina degli sfratti non si ferma; nonostante minacce, parole grosse e polizia, questa settimana il Movimento per la Casa ha bloccato altri due sfratti.

Karim e la sua famiglia e Maurizio con sua figlia possono passare le feste e l’inverno con la tranquillità di un tetto sopra a testa.

A casa di Karim la situazione è fra le più classiche e comune a decine e decine di famiglie alessandrine: una vita normale, tranquilla, il lavoro e l’affitto regolarmente pagato, ogni mese, fino a quando non arriva il licenziamento, dovuto al calo della produzione, all’esubero di personale. Da allora, la vita diventa sempre più difficile fino a dover decidere se dare da mangiare e vestire i propri figli o pagare l’affitto, e la scelta è facile. Quindi lo sfratto e tutta la trafila giudiziaria, rallentata fortunatamente dalla solidarietà e dal supporto di tant* altr* nella stessa condizione.

La situazione di Maurizio è invece particolarmente tanto difficile e complicata quanto emblematica delle politiche portate avanti da ATC: suo padre intestatario della casa popolare in via Gandolfi è mancato improvvisamente e a Maurizio, genitore separato con una figlia adolescente, non è stato concesso di effettuare il passaggio di contratto da suo padre a lui nonostante abitassero insieme. Questo assurdo problema burocratico lo ha portato ad essere considerato un occupante, nonostante abbia continuato a pagare l’affitto.

Nel gelo di questo dicembre alessandrino sono state ottenute due piccole vittorie che però non risolvono il problema, fanno solo guadagnare tempo, briciole di tempo che in mancanza di politiche abitative seriamente orientate a supportare le famiglie in difficoltà non servono a molto, se non a tirare un po’ il fiato mentre l’ansia e la paura per il prossimo passaggio dell’ufficiale giudiziario rimangono.

Dopo i due incontri ottenuti dal Movimento per la Casa con l’assessore alle politiche abitative si era intrapreso un percorso che, anche se solo all’inizio, sembrava poter portare a qualche soluzione concreta. Con l’ennesimo cambio dell’assessore ci chiediamo se il discorso intrapreso potrà continuare sugli stessi binari.

Sempre dalla parte giusta, convinti di trovare soluzioni!

 

Movimento per la Casa

Sportello per il diritto all’abitare:

da Gennaio tutti i Lunedì ore 18:00-20:00

c.s.a. Crocevia, via Casalcermelli 49/c